Articoli correlati ‘scuola’

Insegniamo e impariamo il sardo

3 March 2016

di Laura Fois – Responsabile Comunicazione ProgReS Casteddu
in risposta all’articolo “Ma cali sardu…we need to learn English!” apparso su Casteddu online

Ho studiato e lavorato in Spagna e in Inghilterra. L’Erasmus mi ha iniziato all’Europa, alla multiculturalità, a nuovi punti di vista. Durante i sei anni vissuti all’estero, ho incontrato molte persone che neanche sapevano dove fosse la Sardegna. Altre restavano affascinate dai miei racconti, non solo perché mostravo orgogliosa foto di spiagge e nuraghi.

Molte volte mi sono dispiaciuta, quando mi chiedevano di parlare la mia lingua o almeno il dialetto della mia città. Mi dava sempre futta. E si stupivano, americani e colombiani, baschi e catalani, quando ammettevo il mio più grande deficit linguistico. Mi son sempre limitata, purtroppo, a fare solo qualche battuta in sassarese; vivendo a Cagliari ho invece appreso qualche termine casteddaju, il campidanese un po’ lo capisco. Ma faccio fatica, vorrei impararli tutti una buona volta.

Avrei voluto che me lo insegnassero a scuola e anche all’università. Sarebbe stato bello, dare un esame in sardo. A Madrid stavo per iniziare un corso di euskera. Un altro rimpianto, non averlo fatto.

In casa si è sempre parlato italiano, anche un po’ di sassarese a dir la verità, ma non così fluently. Quando ero piccola sentivo spesso adulti e coetanei dire che chi si esprimeva in sassarese era grezzo. Sono stati proprio i miei compagni di viaggio in Europa a farmi sentire spoglia, incompleta. Rimpiango un passato che non ho potuto raccontare.

Ma è stato un italiano a farmi vergognare più di tutti. «Come è possibile che esista un sardo che non sa il sardo?», mi aveva chiesto un amico abruzzese. Sapeva benissimo che sapevo parlare inglese e spagnolo, che potevo interagire con la maggior parte della popolazione mondiale. Ma ha capito in un secondo che mi mancava la parte più intima e identitaria, il canale di espressione più naturale e istintivo: la mia parola, il linguaggio delle mie radici. La mia storia.

Vorrei poter recuperare il tempo perduto, so che lo farò. Vorrei che non lo perdessero le nuove generazioni. Altrimenti lo rimpiangeranno, soprattutto quando viaggeranno, ritorneranno e ripartiranno ancora. Allora rimbocchiamoci le maniche, insegniamo ai più piccoli il sardo, l’inglese, l’italiano. We need to learn, sì, anche a pensare, prima di disinteressarci della nostra coscienza che in sardo ha parlato prima che ne avessimo una.

Una Sardegna a misura di bambino

14 January 2014

di Maria Grazia Depalmas – attivista di ProgReS – Progetu Repùblica

L’Italia non è un paese per minori. Questo è lo scenario che emerge dal quarto Atlante dell’infanzia (a rischio) di Save The Children, intitolato l’Italia Sottosopra. Il rapporto, attraverso dati, ricostruzioni e mappe ci consegna l’immagine di un paese in cui vive oltre un milione di minori in povertà assoluta (il 30% in più del 2012, ossia un minore su 10).

I dati sono allarmanti: in soli cinque anni, i minori che non possono permettersi i beni essenziali sono più che raddoppiati, passando dai circa 500 mila del 2007 a oltre un milione dello scorso anno. Il rapporto evidenzia anche altri dati preoccupanti: un milione e 344 mila bambini vivono in condizioni di disagio abitativo; 650.000 vivono in Comuni in default o sull’orlo del fallimento; le famiglie con figli hanno ridotto i consumi e gli acquisti (anche alimentari); 11 euro il budget familiare mensile per libri e scuola e 23 euro per tempo libero, cultura e giochi.

In Sardegna il 13,4% della popolazione minorile vive in uno stato di povertà assoluta. La povertà assoluta indica “l’incapacità di acquisire i beni e i servizi necessari a raggiungere uno standard di vita minimo accettabile nel contesto di appartenenza”. Uno standard minimo accettabile tiene conto di criteri quali un’alimentazione adeguata, un’abitazione dotata dei principali servizi, un livello minimo di arredo e vestiario, strumenti di comunicazione e informazione, la possibilità di muoversi sul territorio, istruirsi e mantenersi in buona salute. Il 63% delle famiglie sarde con un bambino o ragazzo in casa ha ridotto la spesa per l’acquisto di generi alimentari di circa 190 euro nell’ultimo quinquennio, cifra che incide fortemente sulla quantità e sulla qualità del cibo.

Non è solo la povertà a minacciare le fondamenta della società sarda: l’incapacità, da parte dell’attuale classe politica, nel garantire un adeguato livello di educazione e formazione alle nuove generazioni costituisce il vero pericolo per il futuro. La Sardegna si conferma infatti negativamente anche per la presenza di alti tassi di dispersione scolastica: il numero di giovani fino ai 24 anni di età fermi alla licenza media o comunque fuori dai percorsi della formazione supera il 25%.

Continua a leggere: Una Sardegna a misura di bambino

Pro un’iscola e un’universidade sarda

19 December 2013

de Alessandro Loi Piras – Attivista de ProgReS Progetu Repùblica

Castiende is crònacas de custas dies est evidente su fallimentu morale, èticu e polìticu de sa classe dominante dipendentista chi at guvernadu sa Sardigna in is ùrtimos 60 annos. Comente est possìbile chi totu una classe polìtica tèngiat unu gradu aici bassu de ètica pùblica, sentidu de comunidade e, fintzas, de cussèntzia natzionale.

Ma, in ue si formant is generatziones de sardos? Deo creo chi una bona parte de sa curpa siat de unu sistema formativu chi in Sardigna si fundat a pitzus de su natzionalismu italianu e de sa negatzione de cale si siat signu de s’identidade sarda.

Comente diant a pòdere pensare a una Sardigna lìbera e giusta is persones formadas in iscolas e universidades italianas de Sardigna, deprivadas de is limbas, s’istòria e de sa cultura issoro? Comente si diant a pòdere reconnòschere a intro de una comunidade locale o natzionale e duncas traballare pro su bene comunu persones chi non ischint nemmancu cale est sa comunidade issoro e in cale puntu de s’ispàtziu e de su tempus sunt bivende.

Continua a leggere: Pro un’iscola e un’universidade sarda

Un’iscola sarda e plurilìngue

12 December 2013

de Rina Pinna – Attivista de ProgReS Progetu Repùblica

«A is pipios e a is pitzocos non nde si importat nudda de su sardu.» «Imparende su sardu is pipios tenent dificultades a imparare s’italianu.» Meda bortas m’est capitadu de intèndere nàrrere custas cosas dae is babbos e is mamas o dae is àteros professores.

Sa beridade, però, est ca is pipios/as e is pitzocos/as sunt cuntentos cando si faghet sa letzione in sardu e non tenent perunu problema a imparare e impreare àteras limbas. Antzis, medas bortas, sunt cussos chi chistionant e connoschent mègius sa grammàtica de su sardu chi renessent a partzire mègius is duas limbas e a non fàghere is errores tìpicos de is sardos chi iscrìent in italianu.

Pro s’esperièntzia mia de maistra, cando faghimus letzione in sardu is pitzocheddos sunt prus atentos e interessados a sa letzione, e fintzas a imparare faeddos noos chi mancari non connoschent. Cando fatzo s’apellu in sardu, is pipios si intentent prus cunsiderados e parte de una comunidade.

In ùrtimu, cando is pitzocos e is pitzocas si ponent a fàghere chircas o tesinas in sardu, meda bortas si impignant de prus pro agatare faeddos chi non connoschent e pro imparare fintzas s’istòria o sa geografia sarda cun prus gana e prus fatzilidade. E fintzas is motivatziones e is reconnoschimentos esternos sunt prus fortes, comente dimustrat su traballu chi amus fatu s’annu passadu cun sa primu tesina de tertza mèdia in sardu, chi est essida in is giornales sardos ma fintzas internatzionales.

Continua a leggere: Un’iscola sarda e plurilìngue

Continuiamo a progettare S’iscola sarda

24 November 2012

del Gruppo Consiliare Progetu Repùblica Aristanis

Una scuola sarda parificata, questo è l’obiettivo che il convegno “Faghimus s’Iscola Sarda”- organizzato dagli attivisti/e di Progetu Repùblica Aristanis lo scorso 17 novembre ad Oristano ha focalizzato e messo in evidenza.

La sala dell’Hospitalis ha accolto un pubblico attento e numeroso, dove si è discusso sulla necessità di offrire ai giovani sardi uno strumento di formazione che abbia il suo baricentro nella storia, nella cultura e nella lingua sarda. Numerosi i relatori che hanno dato il loro prezioso contributo: Nicola Cantalupo (resp. Lingua e cultura ProgReS), Francesco Casula (giornalista,studioso di storia, lingua e letteratura sarda), Francesco Cheratzu (Editore Condaghes), Tore Cubeddu (Ufitziu limba sarda), Antonello Garau (Docente lingua sarda), Maurizio Onnis (scrittore di libri scolastici), Mario Puddu (docente lingua sarda e autore di dizionario sardo).

Tutti loro, nei vari interventi ricchi di opinioni ed esperienza, hanno sottolineato l’impossibilità di integrare il nostro sapere e la nostra cultura in un’istituzione come la scuola pubblica italiana, oramai inadeguata ad affrontare le sfide e i parametri che l’Europa e il mondo richiedono alle istituzioni formative. Il problema di fondo è che la scuola pubblica in Sardegna è incompatibile alle nostre attuali necessità. Una scuola pubblica che non ammette la pluralità è una scuola senza futuro. L’esigenza che è emersa è che politici, intellettuali, istituzioni e cittadini sardi lavorino insieme per fraigare (costruire) una scuola sarda che fornisca ai giovani strumenti adeguati e una consapevolezza capace di invertire il trend (negli ultimi anni di nuovo in crescita) sull’abbandono scolastico, che vede la Sardegna tristemente protagonista in Europa.

Continua a leggere: Continuiamo a progettare S’iscola sarda

Faghimus s’iscola sarda

13 November 2012

Faghimus s’iscola sarda
Di Gruppo Consiliare ProgReS – Progetu Repùblica Aristanis

In sos urtimos chimbanta annos in Sardigna s’est pesadu unu dibatitu mannu a pitzu de sa limba sarda e de s’abbisongiu de dda difender finztas poninde-dda a intro de s’iscola italiana.
Oe in die, su chi si est tentu non est cussu chi si cheriat comente obietivu.
Sa chistione chi cherimos pesare cun cust’arresonada tando est:
est giustu sighire in cust’andala? ponner a intro de sos programmas ministeriales italianos sa limba e sa cultura sarda (e istoria) o sighire ateras carrelas? Si podet pentzare a carchi cosa de diferente?
Non servit imbentare nudda: in Euskal Herria e in sos Paisos Cadelanos ant fraigadu iscolas de su logu chi andant in paris a cuddas de s’Ispannia. 
In s’atobiu ”Faghimus s’iscola sarda” amus a arresonare de custu e de un’iscola sarda chi si podet faer.

S’atobiu s’at a tenner su 17 de Sant’Andria in Aristanis a is 4 de merì in su ‘e s’Hospitalis Sancti Antoni. (via Sant’Antonio, 1 – Ingresso lato via Cagliari)
Iscàrriga su programma. Nos ad a fagher praxere meda sa partecipazione cosa Tua!

Continua a leggere: Faghimus s’iscola sarda

Inno di Mameli nelle scuole sarde: zero in condotta al sistema educativo italiano

14 March 2012

Di Nicola Meloni, ProgReS Campidanu

La recente notizia riguardante l’introduzione dell’esecuzione dell’inno di Mameli nelle scuole non ha sicuramente lasciato indifferenti coloro i quali non riconoscono la loro appartenenza ad un’ipotetica nazione pur essendo cittadini della Repubblica italiana. Personalmente nutro un certo imbarazzo nel sapere che per l’ennesima volta la propaganda sciovinista italiana andrà ad abbattersi con ferocia sulle innocenti coscienze dei bambini e dei ragazzi delle scuole dell’obbligo andando anche a violare il principio di una scuola che dovrebbe essere apolitica e che invece indottrina gli scolari con concetti che ritengo anacronistici, diseducativi e al limite dell’immoralità.

Anacronistici perchè al giorno d’oggi credere in uno stato-nazione, che si rifà ad una teoria geopolitica ottocentesca, come dovrebbe essere quello italiano è fuori dal tempo e fuori dalla logica di chi vive nel mondo delle interconnessioni culturali e del mercato globale. Per inciso, e so che a molti indipendentisti potrà sembrare un’eresia, per gli stessi motivi credo nella nazione sarda ma non credo nemmeno in uno stato-nazione sardo, l’idea di indipendenza statale che dovrebbe essere perseguita in Sardegna è per me quella di uno stato sovrano dei cittadini, basato non su un’improponibile etnocentrismo o su qualsiasi forma di passatismo storico e culturale ma sicuramente fondato sul principio del non nazionalismo e popolato da chi sceglie di appartenere a questa terra indipendentemente dalla propria nazionalità ed etnia (parola che preferirei non usare) per vivere qui una parte o tutta la sua vita, collaborando alla sua crescita, alla gestione delle sue risorse, senza vincoli di dipendenza politica o giuridica verso soggetti statali terzi ed integrandosi nel sistema mediterraneo di cui la Repubblica di Sardegna potrebbe essere il fulcro una volta resasi indipendente dall’italia.

Continua a leggere: Inno di Mameli nelle scuole sarde: zero in condotta al sistema educativo italiano