Articoli correlati ‘referendum’

Quel che rimane dopo il referendum

6 December 2016

La Sardegna ha detto No. Oltre il 72% dei cittadini sardi ha votato contro la riforma costituzionale anche al fine, come affermato dal Presidente del Consiglio Regionale Ganau, di non vedere limitato o cancellato lo spazio di autonomia, a nostro giudizio storicamente insufficiente a difendere con efficacia gli interessi della nostra Nazione.

Focalizzando la questione sulla nostra terra, il dato politico rilevante è che oggi il presidente Pigliaru, con la sua visione politica e le sue strategie unioniste, ha clamorosamente fallito. La sua sconfitta è ancora più eclatante di quella del suo datore di lavoro Matteo Renzi, già dimessosi dalla carica di primo ministro. Pigliaru e la sua impalpabile Giunta oggi appaiono al popolo sardo come un corpo estraneo, isolati dal contesto sociale in cui dovrebbero governare e vivere, totalmente inadatti a guidare la Nazione sarda.

Non possiamo neanche parlare di un ridimensionamento della forza di un Presidente e di una Giunta che sono stati eletti con il voto di due sardi su dieci e che di fatto non hanno mai rappresentato la comunità sarda. In tal senso le dimissioni del Presidente Pigliaru, così platealmente delegittimato, sarebbero un atto dovuto, un gesto di dignità e responsabilità, ma sappiamo bene che ciò non avverrà. Se c’è una cosa a cui la classe politica sarda unionista è attaccata è la poltrona, la coerenza non è un concetto che rientra nella loro sfera politica.

La domanda che ora dobbiamo porci è quale possa essere il campo d’azione e di proposta delle forze politiche che sono rimaste escluse dalla rappresentanza in Consiglio Regionale da una legge elettorale iniqua.

Così come abbiamo suggerito prima del referendum, a nostro avviso è necessario dare inizio a una fase costituente per la riscrittura dello Statuto sardo che allarghi gli spazi di sovranità su temi cruciali per il nostro futuro come fiscalità, istruzione, energia, politiche sociali e beni culturali. Una Carta Fondamentale dei sardi che allarghi il nostro orizzonte politico fondata su tre principi come il riconoscimento della Nazione sarda, la co-ufficialità della Lingua sarda e delle altre Lingue di Sardegna, nonché il diritto a decidere.

Per questo rinnoviamo l’invito alla massima partecipazione dei soggetti politici nazionali sardi e a tutti i cittadini che oggi hanno preso coscienza dei pericoli legati agli istinti centralisti dello Stato italiano. Riscrivere lo Statuto insieme sarà un atto di unità e di responsabilità nazionale. Cambiare lo Statuto per cambiare la Sardegna può e deve essere il nostro obiettivo storico, la nostra missione, la strada comune verso la piena emancipazione politica, economica e sociale del popolo sardo.

***

Cussu chi abarrat pustis de su referendum

Sa Sardigna at naradu Nono. Prus de su 72% de is tzitadinos sardos at votadu contra a sa reforma costitutzionale fintzas cun sa punna, comente at naradu su Presidente de su Consìgiu Regionale Ganau, de non bìdere limitadu o cantzelladu s’ispàtziu de autonomia, a bisura nostra non sufitziente a amparare in manera bona is interessos de sa Natzione nostra.

Donende atentu a sa chistione a pitzus de sa terra nostra, su datu polìticu prus importante est ca oe su presidente Pigliaru, cun sa bisione polìtica sua e is istrategias unionistas suas, at faddidu in manera ispantosa. Sa derrota est galu prus manna de cussa de su mere de traballu suo Matteo Renzi, chi s’est giai dimìtidu dae primu ministru. Pigliaru e sa Giunta sua lèbia-lèbia oe parent a su pòpulu sardu che unu corpus istràngiu, isulados dae su cuntestu sotziale chi diat a dèpere guvernare e bìvere, bonos pro nudda a ghiare sa Natzione Sarda.

Non podimus nemmancu chistionare de unu minimamentu de sa fortza de unu Presidente e de una Giunta chi sunt istados eletos cun su votu de duos sardos intre deghe e chi de fatu no ant mai rapresentadu sa comunidade sarda. In custu sentidu is dimissiones de su Presidente Pigliaru, aici craramente isbirgongiadu, diant a èssere un’atu obligadu, unu gestu de dignidade e de responsabilidade, ma ischimus bene chi costu no at a acontèssere. Si b’est una cosa chi sa classe polìtica sarda unionista est apoddada, cussa est sa cadira, sa coerèntzia no est unu cuntzetu chi torrat in sa manera issoro de fàghere polìtica.

Sa pregonta chi nos depimus pònnere est cale potzat èssere su campu de atzione e de proposta de is fortzas polìticas chi sunt abarradas in foras dae sa rapresentàntzia in Consìgiu Regionale dae una lege eletorale isballiada.

Aici comente amus consigiadu antis de su referendum, pro nois est pretzisu cumintzare una fase costituente pro torrare a iscrìere s’Istatutu sardu chi ammànniet is ispàtzios de soberania a pitzus de temas fundamentales che a sa fiscalidade, s’istrutzione, s’energia, is polìticas sotziales e is benes culturales. Una Carta Fundamentale de is sardos chi abèrgiat s’orizonte polìticu nostru a pesada a pitzus de tres printzìpios che a su reconnoschimentu da sa Natzione Sarda, sa co-ufitzialidade de sa Limba sarda e de is àteras Limbas de Sardigna, e su deretu a seberare.

Pro custu torramus a cumbidare a sa partetzipatzione màssima totus is sugetos polìticos natzionales sardos e a totus is tzitadinos chi oe ant pigadu cussèntzia de is perìgulos chi benint dae su tzentralismu de s’Istadu italianu. Torrare a iscrìere s’Istatutu impare at a èssere un’atu de unidade e de responsabilidade natzionale. Cambiare s’Istatutu pro mudare sa Sardigna podet e depet èssere s’obietivu istòricu nostru, sa missione nostra, sa carrera comuna cara a s’emantzipatzione polìtica, econòmica e sotziale prena de su pòpulu sardu.

Riscriviamo lo Statuto dei Sardi. Insieme.

29 November 2016

Progetu Repùblica de Sardigna lascia libertà di scelta ai propri tesserati per il referendum del 4 dicembre 2016.

Finché il Popolo Sardo continuerà a farsi rappresentare dai partiti italiani o da movimenti politici locali che hanno assimilato il modus operandi affaristico e subalterno del periodo autonomistico, nulla potrà mai cambiare nella condizione di sottosviluppo funzionale agli interessi Italiani.

Non è stata la “Costituzione più bella del mondo” a salvare l’Isola dagli scempi di uno sviluppo industriale di matrice coloniale, così come dall’occupazione militare della terra e del mare sardo per i giochi di guerra, né – la stessa Costituzione – ha impedito che la Sardegna diventasse una delle regioni più povere d’Europa, con i più alti tassi di spopolamento, dispersione scolastica e disoccupazione.

Progetu Repùblica rispetta la scelta di coloro che voteranno contro la riforma al fine di non vedere ulteriormente ridotto lo spazio di autonomia dalla revisione del Titolo V. Tuttavia prende atto con rammarico che anche Partiti che si definiscono indipendentisti hanno seguito lo schema della propaganda unionista, appiattiti sulle posizioni italiane contrarie alla riforma, nonché incapaci di rilanciare un imprescindibile dibattito sulla riscrittura dello Statuto Sardo.

A tal proposito si ritiene indispensabile per il futuro della Sardegna che – qualunque sia il risultato che le urne consegneranno – dal 5 dicembre si dia prontamente inizio ad una Fase Costituente per la riscrittura dello Statuto Sardo, ormai inadeguato alle esigenze attuali. Attraverso un processo partecipato che dovrà coinvolgere i cittadini nell’aggiornamento della Carta Fondamentale dei sardi, sarà necessario ridefinire i rapporti con lo Stato italiano e ampliare le competenze dell’Isola in tema di fiscalità, istruzione, energia, welfare e beni culturali. Uno Statuto che dia dignità al Popolo sardo, basato su tre principi irrinunciabili:

  • il riconoscimento della Nazione Sarda;
  • la co-ufficialità della lingua sarda e delle altre lingue di Sardegna;
  • il diritto a decidere (autodeterminazione nazionale).

Per questo storico quanto ineludibile obiettivo, Progetu Repùblica de Sardigna invita i rappresentanti dei Partiti Nazionali (autonomisti, sovranisti e indipendentisti), gli intellettuali isolani e tutti i sardi alla pianificazione di un percorso partecipato per la riscrittura dello Statuto della Sardegna, in modo che dai quattro angoli dell’Isola giunga fino al Consiglio Regionale la volontà popolare di un nuovo corso politico, sociale ed economico della Nazione Sarda.

• • • •

TORRAMUS A ISCRÌERE S’ISTATUTU DE IS SARDOS. IMPARE.

Progetu Repùblica de Sardigna lassat libertade de sèberu a is tesserados suos pro su referendum de su 4 de Nadale 2016.

Fintzas a cando su Pòpulu Sardu at a sighire a si fàghere rapresentare dae is partidos italianos o dae is movimentos polìticos locales chi ant fatu issoro sa manera de fàghere afarìstica e subalterna de su perìodu autonomìsticu, nudda at a pòdere cambiare in sa cunditzione de suta-isvilupu chi faghet is interessos italianos.

No est istada sa “Costitutzione prus bella de su mundu” a sarvare s’ìsula dae is dannos de un’isvilupu industriale de matritze coloniale, aici comente dae s’ocupatzione militare de sa terra e de su mare sardos pro is giogos de gherra, e nemmancu – sa Costitutzione etotu – at impedidu chi sa Sardigna si torressit a una de is regiones prus pòberas de s’Europa, cun is tassos prus artos de ispopolamentu, isbandonu iscolàsticu e disimpreu.

Progetu Repùblica rispetat s’issèberu de cussos chi ant a votare contra sa riforma cun sa punna de non bìdere minimare ancora de prus s’ispàtziu de autonomia dae sa modìfica de su Tìtulu V. A dolu mannu, però, bidimus chi fintzas is Partidos chi si narant indipendentistas ant sighidu s’ischema de sa propaganda unionista, alladiados a pitzus de is positziones italianas contràrias a sa reforma, e non sunt istadas bonas a torrare a abèrrere sa dibata a pitzus de s’iscritura de unu Istatutu Sardu nou.

A pitzus de custa chistione pensamus chi siat indispensàbile pro su benidore de sa Sardigna – cale si bògiat chi siat su resurtadu chi is urnas s’ant a donare – dae su 5 de su Mese de Idas si donet a lestru s’incumintzu a una Fase Costituente pro torrare a iscrìere s’Istatutu Sardu, oramai inadeguadu a sas esigèntzias de oe. Pro mèdiu de unu protzessu partetzipadu chi at a dèpere pònnere impare is tzitadinos in s’annoamentu da sa Carta Fundamentale de is sardos, at a èssere netzessàriu torrare a definire is raportos cun s’Istadu italianu e ammanniare is cumpetèntzias de s’Ìsula in tema de fiscalidade, istrutzione, energia, welfare e benes culturales. Un’Istatutu chi donet dignidade a su Pòpulu sardu, fundadu a pitzus de tres printzìpios non renuntziàbiles:

  • su reconnoschimentu de sa Natzione Sarda;
  • sa co-ufitzialidade de sa limba sarda e de is àteras limbas de Sardigna;
  • su deretu a seberare (autodeterminatzione natzionale).

Pro custu obietivu istòricu, Progetu Repùblica de Sardigna cumbidat is rapresentantes de is Partidos Natzionales (autonomistas, soberanistas e indipendentistas) e is intelletuales isulanos pro sa pianificatzione de unu percursu partetzipadu pro torrare a iscrìere s’Istatutu de sa Sardigna, de manera chi dae cada giassu de s’Ìsula lompat fintzas a su Cussìgiu Regionale sa boluntade de unu cursu polìticu, sotziale e econòmicu nou de sa Natzione Sarda.

Un sì contro le trivelle

7 April 2016

Le fresche dimissioni della Ministra dello Sviluppo Economico del Governo Italiano mettono a nudo – se mai ce ne fosse ancora bisogno – l’enorme commistione tra la politica italiana e le lobby petrolifere ed energetiche che, ormai a tutti i livelli, sembrano dettare legge nelle scelte di sviluppo energetico.

Così come il governo Italiano non può esimersi dal fare affari con chi grazie al petrolio finanzia le proprie campagne elettorali, anche nella nostra isola abbiamo dovuto subire per anni il triste spettacolo di amministratori e governanti pronti a chinarsi davanti alle richieste dei Moratti o Rovelli di turno.

All’interno di questo deprimente contesto, il 17 aprile anche i cittadini sardi saranno chiamati ad esprimersi in merito al Referendum sulle trivellazioni off shore richiesto da nove consigli regionali – compreso quello sardo – sulla durata delle concessioni di coltivazione petrolifera all’interno della fascia delle 12 miglia marine.

Continua a leggere: Un sì contro le trivelle

Le lezioni della Scozia

2 February 2015

di ProgReS Progetu Repùblica Disterru

È significativa per un contesto come la Sardegna contemporanea, l’attenzione che gli attori della politica sarda hanno riservato all’esperienza del referendum di autodeterminazione scozzese svoltosi lo scorso settembre. È ancor più rilevante nel desolante panorama della politica italiana, che pesa come un macigno sulla Sardegna, nel quale i temi dell’autodeterminazione sono bollati frettolosamente come anacronistici e antieuropei.

Un evento storico come questo non poteva non ricevere tutte le attenzioni del caso da parte di un partito a respiro europeo e globale come ProgReS, presente nel Regno Unito con un nutrito numero di attivisti. Il referendum scozzese e la campagna che l’ha preceduto sono stati un esercizio di democrazia diretta e partecipata più unico che raro nel panorama europeo.

Un’esperienza dalla quale ProgReS e la politica sarda tutta può imparare una serie di lezioni che sono state illustrate magistralmente dai tre relatori, l’esperta di marketing politico Paola Bonesu, e i docenti dell’università di Edimburgo Dr. Michael Rosie e Dr. Eve Hepburn, ospiti di “The Day After” l’evento organizzato dagli attivisti del Disterru, la sezione internazionale di ProgReS.

Continua a leggere: Le lezioni della Scozia

‘The day after: Europe’s stateless nations at a crossroad. The case of Sardinia’

18 September 2014

ProgReS – Progetu Repùblica Disterru, sezione internazionale di ProgReS Progetu Repùblica, ha organizzato per il 20 settembre ad Edimburgo la conferenza dal titolo:

 

‘The day after: Europe’s stateless nations at a crossroad. The case of Sardinia’

 

a pochi giorni di distanza dalla storica data del 18 Settembre 2014 in cui i cittadini scozzesi saranno chiamati a votare il referendum per l’indipendenza della Scozia dal Regno Unito. Gli scozzesi saranno dunque chiamati a decidere il proprio futuro e lo faranno nel modo più democratico e rappresentativo: con un semplice segno sulla scheda referendaria.

L’obiettivo principale della conferenza sarà quello di discutere le differenze e i punti in comune nei percorsi che Sardegna, Scozia, Galles e le altre nazioni senza Stato in Europa hanno intrapreso per affrontare le sfide politiche nella via per l’indipendenza. In questo senso il referendum promosso dal governo scozzese è innovativo anche nei temi e nella visione che ha imposto nel dibattito politico scozzese: non un’indipendenza basata sulle rivendicazioni del proprio passato ma basata sulla visione della società scozzese del futuro.

Quella del 20 settembre si presenta come l’unico evento ufficiale organizzato da un partito sardo in Scozia, a conferma del lavoro svolto nella tessitura dei rapporti internazionali da ProgReS Progetu Repùblica in questi anni.

Si pensi alla partecipazione di una nostra delegazione in veste di osservatori internazionali al referendum consultivo organizzato in Catalunya nel 2011; ai recenti incontri tenutisi a Londra e Barcellona tra Michela Murgia, nostra candidata alla presidenza della regione con Sardegna Possibile, rispettivamente con Joan Campbell dello Scottish National Party e con la Presidente dell’Assemblea Nacional Catalana, Carme Forcadell; all’evento dello scorso luglio, sempre a Barcellona, organizzato dall’associazione Procès Costituent a cui ha preso parte il Segretario Nazionale di ProgReS Gianluca Collu ed, infine, alla partecipazione di una delegazione del partito alle ghjurnate internazionali di Corti in Corsica con la presenza di rappresentanti di organizzazioni indipendentiste europee e non (ERC, SORTU, Corsica Libera, SI, OLP).

La conferenza di Edimburgo rappresenta un passo ulteriore di questo cammino volto al consolidamento delle relazioni ed allo scambio di esperienze e strategie.  All’incontro saranno presenti i rappresentanti dei maggiori partiti indipendentisti d’Europa, a partire proprio dallo Scottish National Party e dai gallesi di Playd Cymru.

Interverranno:

Eve Hepburn, School of Social and Political Science, Università di Edimburgo

Michael Rosie, Docente di Sociologia, Università di Edimburgo

Paola Bonesu, Giornalista freelance e consulente di marketing politico

Modera: Alessandro Columbu, Ricercatore presso l’Università di Edimburgo – ProgReS Progetu Repùblica

L’evento inizierà alle 5.30 PM presso Abden House, 1 Marchhall Crescent, EH16 5HP, Edimburgo

definitiva (1)

Scopriamo i nuovi possibili scenari all’indomani del referendum scozzese

16 September 2014

di ProgReS Disterru

Il referendum sull’indipendenza scozzese si concluderà tra pochi giorni. È una data storica, qualunque sarà l’esito, ed è un’occasione a cui gli attivisti di ProgReS Disterru non potevano mancare.

Per capire quanto questo evento coinvolgerà anche la Sardegna, è importante raccontare prima di tutto che cosa succede in Scozia, che cosa è il referendum, e quali implicazioni potrebbe avere per le nazioni senza stato in Europa. Di questi temi parleremo nella nostra conferenza il 20 Settembre qui faremo una sintesi del nostro approccio alla questione.

Cosa succede in Scozia?

La visione del referendum scozzese in Italia e in Sardegna è sicuramente distorta. Da diverse parti si sono citati i cosiddetti “temi identitari”: la lunga storia di guerre tra Scozia e Inghilterra, il controverso Atto d’Unione tra le due corone, le differenze “etniche” tra gli abitanti delle Highlands e il resto dei cittadini britannici, e così via, spaziando da “temi identitari” al folklore puro.

Continua a leggere: Scopriamo i nuovi possibili scenari all’indomani del referendum scozzese

Sito di stoccaggio unico per le scorie nucleari in Sardegna? No, i sardi hanno già deciso.

7 June 2014

È di questi giorni la diffusione da parte dell’ISPRA (Istituto superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) dei criteri per la localizzazione dell’impianto di smaltimento di rifiuti radioattivi di bassa e media attività; tale pubblicazione, congiuntamente all’annuncio riportato dalla stampa circa la volontà dello stato italiano di individuare il sito di stoccaggio entro l’anno, riportano all’attenzione il tema anche in Sardegna, dove un referendum consultivo proposto dagli indipendentisti nel 2011 ha evidenziato una chiarissima indicazione di indisponibilità da parte della cittadinanza sarda alla realizzazione di centrali nucleari o depositi per scorie nel proprio territorio. In quell’occasione si recarono alle urne circa 900 mila sardi, pari a quasi il 60% del corpo elettorale, e con il 97,8% dei voti espressero la propria netta contrarietà.

Secondo quanto pubblicato dall’ISPRA l’Italia ha necessità di stoccare ventisettemila metri cubi di scorie a bassa e media intensità, delle quali cinquemila da attività industriali e ospedaliere e le restanti frutto della fallimentare strategia energetica adottata fra gli anni ’60 e gli ’80. A tali numeri vanno sommati quelli relativi ai materiali altamente radioattivi, stimati in duecentomila metri cubi, e quelli derivanti dallo smantellamento non ancora avvenuto delle installazioni nucleari, prevalentemente a bassa e media intensità, all’incirca trentamila metri cubi, ed infine il materiale altamente radioattivo stoccato in Francia e Gran Bretagna, pari a settanta metri cubi.

Continua a leggere: Sito di stoccaggio unico per le scorie nucleari in Sardegna? No, i sardi hanno già deciso.