Articoli correlati ‘Omar Onnis’

Torna RadioIndipendèntzia

30 November 2013

Venerdì 29 Novembre a Cagliari, presso lo SpazioA di via Napoli 62 è stata presentata la nuova stagione di programmazione di RadioIndipendèntzia, la prima radio indipendentista sul web. La stagione 2013-2014 sarà caratterizzata da alcune conferme rispetto alle stagioni precedenti e da molte novità.

Alla direzione giornalistica della radio di ProgReS Progetu Repùblica è confermato Gianmaria Bellu, che condurrà il consueto appuntamento settimanale di approfondimento politico sui temi dell’indipendentismo moderno e non-violento. Novità della nuova stagione, è invece la direzione artistica di Frantziscu Medda, in arte Arrogalla, musicista elettronico di fama europea, che coordinerà il lavoro dei dj della web-radio.

Tra le trasmissioni di cultura e approfondimento, sono confermati gli appuntamenti con “Tutto quello che sai sulla Sardegna e falso” di Omar Onnis e l’approfondimento di politica internazionale a cura di Oliver Perra.

Continua a leggere: Torna RadioIndipendèntzia

Chistione linguìstica, protzessos democràticos e sèberos polìticos

18 November 2013

de Omar Onnis Deidda, Ativista de ProgReS Progetu Repùblica

Unu de sos resurtados prus evidentes de s’OST (Open Space Technology) in contu de cultura, fatu in Nurachi su mese de santugaine coladu, est sa tzentralidade de sa chistione linguìstica sarda. No est un’ispantu, pro chie est in intro de s’arresonu, ca totus sos datos chi tenimus nos narant sa matessi cosa. Podet èssere ispantadu isceti chie non at un’idea funguda e onesta de custa chistione.

In sas ùrtimas chidas amus lèghidu parres e cummentos de unos cantos intelletuales sardos in sas pàginas de sa Nuova Sardegna. Totus personàgios bene connotos, rapresentantes mannos de s’acadèmia sarda, de Tàtari e de Casteddu. S’arresonu issoro est istadu craru: su sardu non at bisonzu de esser afortziadu, non tenet netzessidade de unu protzessu de istandardizatzione, depet lassare logu a s’italianu che a s’ùnica limba de totus sos sardos, e goi sighende.

Sos argumentos impreados non sunt noos. Antzis, naramus puru cun trancuillidade chi sunt betzos e giai intesos milli bortas. Mancari custos personàgios apant detzìdidu de torrare respusta a interventos e decraratziones de àtere (mescamente de Pepe Coròngiu, capu de s’Ufìtziu de sa Limba sarda de sa Regione), in realidade ant bogadu a campu su matessi arresonu de custos ùrtimos barant’annos. Su problema est chi no ant collidu su nùcleu fundamentale de totu su contu, lis est fughida sa raighina de sa chistione, e prus issos creent de l’àere reconnota, prus pagu la bident.

Ca su problema mannu de oe, pro su sardu e pro sas àteras limbas istòricas de Sardigna, no est istandardizatzione eja o nono, opuru s’impreu issoro in sas iscolas, in s’universidade e in sos mèdios de comunicatzione. Su problema est comente fàghere totus custas cosas e in su matessi tempus comente fàghere crèschere sa trasmissione intergeneratzionale de su sardu e de sas àteras limbas istòricas sardas.

Sa gherra de s’acadèmia sarda est una gherra de “retroguardia”, chi non serbit a nudda de bonu e est comomai petzi una zavorra, unu pesu pro su caminu a in antis de sa chistione.

Su chi est essidu a campu dae s’OST de Nurachi, imbetzes, est chi su problema est unu problema polìticu e chi sos protzessos de istandardizatzione e normalizatzione de su sardu e de sas àteras limbas de Sardigna depent mudare passu, depent èssere prus abertos e inclusivos, depent pigare una forma prus democràtica. Custu eja, est unu problema bene intesu dae totus.

Sos mèritos de chie in custos annos at traballadu pro afortiare sa positzione de su sardu non sunt pagos. Fintzas sa chistione de sa LSC, francu sas disamistades personales e sas polèmicas tosturrudas e chena frutu, no est goi mala a risòlvere. De propostas e de ideas pro pigare torra su caminu cumpartzidu de sa istandardizatzione gràfica de su sardu bi sunt. Tocat de pònnere mente a su chi s’ischit in contu de custos fenòmenos. S’istandardizatzione non est unu protzessu chi potzat finire goi comente est inghitzadu, mescamente si est partetzipadu e democràticu. Posca, est naturale, tocat a sa polìtica a fàghere sìntesi.

Sa polìtica sarda, bisòngiat de lu nàrrere craru, at semper fatu pagu e male pro sa chistione linguìstica. Tropu timorosa e tropu italotzèntrica, pagu agiudada dae s’universidade, atenta prus a su cunsensu de sos tzentros de interessu angenos chi l’at donadu legitimatzione chi a sos interessos de sos sardos (in custu che in totus sos àmbitos, a dolu mannu nostru). Sa boghe de sa Sardigna, fintzas in sos logos istitutzionales in ue sa chistione podiat èssere batida cun sa fortza de su deretu e de sa resone, est semper istada dèbile. Totu custu depet mudare.

Su sardu e sas àteras limbas sardas depent otènnere sa positzione chi lis tocat, depent àere unu status de co-ufitzialidade cun s’italianu, prenu e reconnotu, siat in Itàlia siat in Europa e in sas istitutziones internatzionales. Chena fàghere sa gherra a s’italianu (chi diat èssere una cosa tonta a beru, e fintzas violenta, in prus de èssere unu dannu), tocat de pònnere su sardu comente limba normale de sos sardos, a su matessi livellu de s’italianu, dende.li logu e tempus de s’afortiare cun s’impreu cumpartzidu e ispaniadu e sa conchista de unu reconnoschimentu sotziale prus mannu.

Ischimus chi bi sunt sardos chi non nde cherent intèndere, de custu contu, chi timent de perdee vantàgios o status sotziale, si su sardu e sas àteras limbas istòricas de s’ìsula bogarent logu a s’italianu, o chi creent – isballiende meda – chi donende importàntzia a sas limbas nostras nos amus a tancare in unu furriadòrgiu de isulamentu e arretradesa. Ma custos sunt argumentos chena capu nen coa, dae tempus meda privados de sustàntzia e de beridade dae sos stùdios internatzionales, cussos istùdios matessi chi ant dificultade a intrare in s’universidade sarda.

Ma in su protzessu de autodeterminatzione de sos sardos e pro una Sardigna possìbile a beru custu contu est importante meda e – paris cun àteros – est fundamentale pro nos torrare una sugetividade istòrica cumprida e una libertade prus manna e prus forte.

Eletti i Presidenti Nazionali

18 March 2013

Nel corso dell’assemblea nazionale tenutasi ad Arborea domenica 17 marzo gli attivisti di ProgReS Progetu Repùblica hanno eletto i nuovi presidenti.

Dando seguito alla mozione approvata durante il congresso nazionale del 29 dicembre da quest’anno ProgReS potrà contare su due presidenti: una carica femminile e una maschile per garantire la parità di genere.

L’Assemblea nazionale degli attivisti ha dunque eletto ai ruoli di presidenza Federica Serra Pala (37 anni, Art Director) di Nuoro e Sandro Ghiani Anedda (60 anni responsabile comunale dei servizi culturali) di Isili.

L’assemblea, nel ringraziare il presidente uscente Omar Onnis Deidda per il lavoro svolto, fa i migliori auguri di buon lavoro ai neo-presidenti per il nuovo incarico da parte di tutti gli attivisti e sostenitori di Progetu Repùblica.

A chi servono le elezioni italiane?

14 January 2013

di Omar Onnis – Presidente di ProgReS Progetu Repùblica

Il delirio più caotico sembra essersi impossessato dei mass media e della politica in Sardegna. Liste da comporre, alleanze da improvvisare, giravolte da giustificare, arruolamenti dell’ultima ora o abbandoni sospetti, tutto pur di conquistare un posto al sole nel parlamento italiano. Col contorno di pettegolezzi e polemiche che di solito accompagna queste situazioni, oggi esasperato da una condizione materiale precaria e dallo scontento generalizzato.

Lo spettacolo è già sgradevole così come appare nei mass media, dato che chiaramente non ha alcun legame con la realtà delle nostre vite. Ma in Sardegna ha addirittura del mortificante. Il fatto è che mai come in questo frangente la partecipazione alle elezioni italiane è apparsa del tutto ininfluente per le sorti della Sardegna. E non solo per la pessima legge elettorale vigente, che da sola basterebbe a scoraggiare gli animi più volenterosi, o più inclini all’autoinganno.

Le uniche conseguenze delle prossime elezioni italiane per la Sardegna saranno una prosecuzione di quel che è sempre stato da centocinquant’anni (o da sessanta se si preferisce) a questa parte. Sappiamo che i candidati sardi nei partiti italiani rispondono agli ordini delle rispettive segreterie, non certo agli interessi della Sardegna, specie se contrapposti a quelli italiani. Non c’è materia, tra quelle fondamentali, che la classe politica sarda abbia avuto la forza di risolvere contrattando con lo stato italiano: infrastrutture, trasporti, servitù militari e industriali, scuola e università, patrimonio storico-culturale, agricoltura e allevamento, turismo. Nessuno di questi ambiti ha trovato risposte positive nello scenario politico italiano, qualsiasi cosa dicano gli esponenti sardi di quelle forze politiche. Del resto sono precisi fattori geografici, demografici e storici a valere in questo caso, al di là della buona volontà dei singoli parlamentari sardi. Ciò significa anche che una rappresentanza, inevitabilmente esigua, di partiti sardi nel parlamento italiano potrebbe fare esclusivamente opera di testimonianza, senza alcuna speranza di condizionare concretamente la politica italiana.

Continua a leggere: A chi servono le elezioni italiane?

Intellettuali sardi tra latitanza e indifferenza

8 November 2012

di Omar Onnis
Presidente di ProgReS Progetu Repùblica

L’Assemblea popolare di ieri, a Cagliari, ha detto alcune cose importanti. Nessun osservatore tuttavia ha dato mostra di saperle o volerle cogliere. A parte le cronache dell’evento, grosso modo disciplinate nel dar conto dei fatti, il commentarium ha impazzato soprattutto in Rete. Vediamone i punti salienti.

Alcune analisi hanno sollevato la questione della ridotta partecipazione. Tremila cittadini che si muovono e si riuniscono pacificamente sembrano una quantità molto lontana dal minimo sufficiente a far tremare il Palazzo. Eppure si trattava di cittadini di varia provenienza che non sono stati pagati da nessuno per essere presenti lì, né hanno usufruito del passagio gratuito offerto dal partito o dal sindacato italiano di turno, né avevano alcunché da guadagnare. È lecito dubitare che alle stesse condizioni un PDL o un PD, per non dire gli altri, riuscirebbero a fare meglio.

Altro risultato è stata la presenza contemporanea e pacifica delle forze indipendentiste organizzate. Uno dei luoghi comuni propalati dall’egemonia imperante è la disunità della cosiddetta galassia indipendentista, spesso presa come rappresentazione plastica della disunione congenita dei sardi. Questo luogo comune è chiaramente del tutto privo di qualsiasi fondamento e significato. Le presunte magagne attribuite alle organizzazioni indipendentiste sono in realtà ciò che caratterizza più precisamente le forze politiche italiane in Sardegna e i loro sodali: il numero (molto superiore e sempre crescente), la disunione, la conflittualità improduttiva, la cattiva coscienza, gli interessi inconfessabili.

Continua a leggere: Intellettuali sardi tra latitanza e indifferenza

“Il popolo ha fame e manca il pane” – “Dategli le brioches”

5 November 2012

di Omar Onnis
Presidente di ProgReS Progetu Repùblica

Improvvisamente la politica sarda, quella del Palazzo, quella che decide per tutti noi, si accorge che il 7 novembre ci sarà una grande manifestazione di popolo e non sa che pesci prendere. Il primo pensiero va istintivamente alla propria poltrona e a come fare per rimanerci attaccati. La conseguenza sono una serie di dichiarazioni tra il banale e il menzognero, in perfetto politichese italiano.

Così si può leggere una presa di distanza dalla politica di questi anni da parte di chi quella politica l’ha fatta, il PD, che vanta l’esperienza di Renato Soru in Regione come una discontinuità meritoria, salvo rimuovere la circostanza che furono proprio le manovre del PD medesimo e dei suoi sodali a depotenziare e edulcorare (fino alla crisi definitiva) le misure più innovative della giunta Soru. Oppure l’UDC, pronta a sostenere la proposta di legge popolare sull’agenzia sarda di riscossione dei tributi e contemporaneamente ostile alla medesima possibilità (perché è lo Stato che deve toglierci di mezzo Equitalia, noi poverini non possiamo decidere nulla), con tanti saluti al principio di non contraddizione (che, come la vecchia scuola DC insegna, in politica non esiste). Altri, come SEL, si dichiarano solidali con la mobilitazione della Consulta e al contempo distanti, di lotta e di governo insomma, e ricordano a tutti la propria collocazione fuori dai ruoli decisionali (salvo che per sistemare vecchie questioni in odor di clientelismo, tipo lo status dei precari in Consiglio regionale e altre cosucce del genere); senza contare la loro passione per il tricolore e la fedeltà all’Italia una e indivisibile, accompagnate a dichiarazioni para-indipendentiste: per la serie, la coerenza non è il nostro forte. Altri (PDL, PSdAz) mostrano una notevole puzza sotto il naso sostenuta dalla consapevolezza di avere (per ora) il coltello dalla parte del manico, ma con una prudente dose di accondiscendenza, giusto per evitare di essere additati tra le file dei nemici, alla resa dei conti (una resa dei conti che evidentemente sentono vicina).

Ciò che spaventa il Palazzo è la piega che sta prendendo questa mobilitazione, la sua pretesa di fare un minimo di pulizia dentro le stanze del potere. Questo genere di messaggi, benché magari usati da qualcuno strumentalmente, per scopi diversi, hanno sempre il potere di suscitare aspettative, di creare consenso e di convincere le persone a partecipare. E a quel punto si crea un’inerzia che difficilmente può essere piegata a questo o quell’interesse specifico o anche solo controllata.

Ritenere che sostituire l’attuale classe politica sarda sia un azzardo, perché chi subentrasse sarebbe un novizio senza arte né parte, è una mistificazione totale e un argomento del tutto fuori luogo. Sappiamo bene – e se non lo sappiamo, peggio per noi – che la classe politica sarda è in larghissima parte mediocre e incompetente, selezionata sulla base della fedeltà a questo o quel capobastone, dipendente da centri di interesse particolari (spesso esterni), refrattaria a guardare con occhio onesto e libero le questioni strutturali, gli interessi generali strategici della Sardegna. La maggior parte dei cittadini sardi, messi lì, in consiglio regionale o in un assessorato, non farebbero di certo peggio di quelli che ci sono ora. Certo, quelli che ci sono ora – la giunta Cappellacci, a cominciare dal presidente medesimo – sono probabilmente il peggio che la storia della Sardegna contemporanea abbia mai offerto. Ma non è che si discostino radicalmente dalla visione consueta che la classe di potere sarda ha sempre avuto: la Sardegna come oggetto storico, come strumento di interessi estranei alle necessità generali e ai diritti collettivi dei sardi e i sardi come bacino di consenso clientelare, come popolazione minus habens, bisognosa di tutela, non di libertà.

Il problema, insomma, non è cosa sia e cosa voglia questa Consulta rivoluzionaria. Il problema è che non ci si fermi qui, che questo sia solo il primo passo in direzione di una nuova consapevolezza diffusa, a dispetto degli inevitabili elementi critici presenti al suo interno. L’intento condiviso non è cambiare tutto perché niente cambi. L’intento è chiamare in causa i cittadini perché si assumano la responsabilità di se stessi. Di se stessi come collettività storica, non come esponenti di categorie specifiche o di interessi individuali. Mettere tutti insieme, fare un percorso comune, dicutere e confrontarsi, è la risposta migliore che si possa dare a chi continua a ripetere ossessivamente (come un esorcismo) il luogo comune della disunione dei sardi e – come caso specifico – degli indipendentisti. I partiti indipendentisti sono molti di meno dei partiti italiani e delle loro propaggini proconsolari sarde e, specie tra i loro militanti, nella loro base, sono già oggi molto più coesi e concordi di quanto gradirebbero a Palazzo.

In ogni caso noi di ProgReS sentiamo di dover dare delle risposte ai cittadini e alle varie categorie sociali che si identificano nella Consulta o che ne guardano con interesse il percorso. Non perché là ci sia un consenso da guadagnare, bensì perché ne siamo noi stessi pienamente parte, e non semplicemente degli interlocutori esterni. Lo faremo a modo nostro, ossia in modo nonviolento e propositivo, senza pretendere alcuna leadership né ergerci a depositari della verità. Democraticamente, per la Sardegna e i sardi.

Il vento sovranista era solo meteorismo

31 October 2012

di Omar Onnis
Presidente di ProgReS Progetu Repùblica

È bastata una tornata elettorale regionale, quella siciliana, per ridimensionare di colpo la ventata sovranista dei partiti italiani in Sardegna. Improvvisamente, rimesse nel cassetto berritta e dichiarazioni di indipendentismo, la politica sarda si è fatta volentieri trascinare nel vortice mediatico dei commenti alle elezioni siciliane, provando a trarne auspici per il proprio futuro. Un esercizio del tutto insensato, si direbbe, se non sapessimo quanto poco i partiti italiani in Sardegna amino occuparsi della Sardegna medesima. Così tutto sembra tornare alla normalità televisiva italica, in cui si trovano molto più a loro agio gli esponenti politici dei vari PD, PDL, SEL, IDV, UDC e i loro complici travestiti da partiti sardi.

Il vento sovranista ha smesso di soffiare presto.

Continua a leggere: Il vento sovranista era solo meteorismo