Il tzda “Sergio Atzeni” di Bologna esprime il suo disappunto per il drastico taglio dei collegamenti aerei operato dalla Meridianafly tra l’aeroporto di Olbia e le principali città italiane (Milano, Verona, Bologna, Firenze, Torino, Genova, Venezia).

La scelta fatta dalla compagnia aerea sembra peraltro essere in linea con le politiche messe in atto da tutte le compagnie di navigazione aeree e marittime che si occupano di collegare la Sardegna con l’Italia: politiche che – in linea con lo sconsiderato e irresponsabile aumento delle tariffe dei traghetti del 2011 – considerano la Sardegna solo come un luogo di vacanze e villeggiatura ignorando di fatto la necessità di una progredita mobilita dei sardi, nonostante questi costituiscano il grosso dei loro passeggeri durante tutto l’anno.

I collegamenti tra Sardegna e i principali aeroporti della penisola riprenderanno, infatti, solo durante l’estate ossia quando il maggior numero di turisti visitano la Sardegna.
ProgReS – Progetu Repùblica chiede che venga rispettato il diritto dei sardi alla mobilità durante tutti i mesi dell’anno con delle tratte aeree che colleghino regolarmente gli aeroporti di Olbia, Cagliari e Alghero con le maggiori città italiane.

Inoltre chiede al assessore regionale ai trasporti Cristian Solinas di farsi interprete nei confronti della compagnia Meridianafly del disagio subito dalle migliaia di cittadini sardi che vivono nel nord Italia e invita questi ultimi a esprimere il loro disappunto inviando una mail a tiziana.biscu@meridianafly.it ufficio stampa Meridianafly e allo stesso responsabile istituzionale: trasp.assessore@regione.sardegna.it, trasp.assessore.segreteria@regione.sardegna.it, trasp.assessore@pec.regione.sardegna.it

Cumentos

cumentos