Società e Diritti

Difendiamo il sistema sanitario pubblico

8 March 2017

Su Pòpulu sardu non podet fàghere a mancu de aere pro totu sas curas mèdicas gratuitas e de calidade. Cumbidemus sos sardos a partetzipare a su Cunvegnu.

Ant a pigare parte a sos traballos espertos de su setore e sa Retze Sarda Sanidade Pùblica. At a sighire una dibata. Est dovere nostru amparare, totu unidos, su deretu de sos sardos a sa Sanidade Pùblica in sos tzentros urbanos e in totu sos territòrios.

NO a sa Reforma supra “Riòrdinu de sa retze ispedalera sarda”, cun s’iscusa de mancantzias in su bilantzu, de sos cales sas sardos non sunt responsàbiles, chie guvernat sa Sardigna, cheret minimare e puru cungiare sos ispidales de sos territòrios discumbeniados.

AMPAREMUS sos ispidales importantes de Casteddu, chi puru si a servìtziu de totu sa Sardigna sunt a arriscu de serrada.

NO a sa tancadura de sos servìtzios pro sos malaidos crònicos nostros.

NO a sas astrinturas a s’assistentzia primaria impostas dae Roma a corfos de Decretos Ministeriales.

AMPAREMUS de sa minetza de serrada sas Comunidades terapeuticas e sas Comunidades pro sos impreos alternativos a sa galera.

CONTRA SA PRIVATIZATZIONE DE SU SISTEMA SANITÀRIU PÙBLICU E PRO SA DEFENSA DE SU DERETU A SA SALUDE, in particulare de sos prus disacatatos, cumbidemus totu s’Indipendentismo sardu a s’unire e a èssere in innantis a totu in custu chertu.

–––––––––––––––––––––––––––––

Se noi sardi perdiamo la battaglia per la difesa del Sistema Sanitario Pubblico, perderemo tutte le battaglie.

Il Popolo sardo non può fare a meno dell’accesso alle cure mediche gratuite e di qualità per tutti. Invitiamo i sardi a partecipare al Convegno e ad essere parte attiva in questa lotta.

Prenderanno parte ai lavori esperti del settore e la Rete Sarda Sanità Pubblica. Seguirà un dibattito. E’ nostro dovere difendere, tutti uniti, il diritto dei cittadini sardi alla Sanità Pubblica nei centri urbani e nei territori.

NO alla Riforma sul “Riordino della rete ospedaliera sarda”, l’alibi con cui chi governa la Sardegna, in nome dei buchi di bilancio dei quali i sardi non sono responsabili, intende ridimensionare e chiudere gli ospedali dei territori disagiati in tutta l’Isola. DIFENDIAMO gli ospedali di Cagliari al servizio di tutta la Sardegna e a rischio di chiusura.

NO alla soppressione dei servizi per i nostri ammalati cronici.

NO ai tagli esercitati da Roma a colpi di Decreti Ministeriali sull’assistenza primaria.

DIFENDIAMO dalla minaccia di chiusura le Comunità terapeutiche e le Comunità per i percorsi alternativi alla carcerazione.

CONTRO la privatizzazione del sistema sanitario pubblico e per la difesa del diritto inalienabile alla salute a partire dai più fragili, invitiamo tutto l’Indipendentismo sardo ad unirsi e ad essere in prima linea in questa lotta.

Progetu Repùblica sustenit sa manifestada #PERUNADEMANCU

1 March 2017

Progetu Repùblica De Sardigna sustenit s’isciòberu internatzionale feminista bandidu pro sa die 8 de Martzu 2017.

At a èssere una die de sensibilizatzione contra, intra is àteras cosas:

  • sa violèntzia de is òmines e de tipu machista contra is fèminas e is personas omo-bi-transessuales;
  •  sa criminalizatzione de s’istrumìngiu (aborto) e s’obietzione de cussièntzia;
  • sa violèntzia patriarcale;

e pro:

  •  s’autodeterminatzione de is corpus e de is disìgios;
  •  s’educatzione e istrutzione lìberas dae istereòtipos de gènere.

Nosu de Progetu Repùblica semus sensìbiles a custos temas poita in sa batàllia feminista e queer contra s’opressione ndi biemus is tratos de sa luta sarda contra s’opressione coloniale:
nos agatamus in sa luta contra sa violèntzia de tipu machista poita, cumente sardos e sardas, semus stètius e semus vìtimas de s’impositzione de unu modellu ùnicu de identidade e de cultura;
nos agatamus in sa luta pro s’autodeterminatzione de is corpus e de is disìgios poita, cumente sardos e sardas, batalliamus pro s’autodeterminatzione de su pòpulu nostru e pro sa libertade de seberare autonomamente su benidore nostru;
nos agatamus in sa luta pro un’educatzione e una istrutzione lìberas dae istereòtipos de gènere poita, cumente sardos e sardas, galu batalliamos ataleschì sa cultura nostra in totus is bariedades suas bessat dae su disterru dae s’educatzione de mannos e piticos.

Amus a partitzipare poita creemus chi su progressu polìticu ddu faint prus chi totu is persones chi cun balentia e prodesa detzidint de si pigare in manu su destinu insoru.

Progetu Repùblica de Sardigna sostiene lo sciopero internazionale femminista indetto per l’8 Marzo 2017.

Sarà una giornata di sensibilizzazione mondiale contro, fra le altre cose:

  •  la violenza maschile e di stampo machista contro donne e persone omo-bi-transessuali;
  •  la criminalizzazione dell’aborto e contro l’obiezione di coscienza;
  •  la violenza patriarcale;

e a favore de:

  •  l’autodeterminazione dei corpi e dei desideri;
  • educazione e istruzione libere dagli stereotipi di genere.

Progetu Repùblica è sensibile a questi temi perché nella lotta femminista e queer all’oppressione scorgiamo gli stessi tratti della lotta sarda all’oppressione coloniale:
ci riconosciamo nella LOTTA contro la violenza di stampo machista perché, in quanto sardi e sarde, siamo stati a siamo vittima dell’imposizione di un modello unico di identità e di cultura;
ci riconosciamo nella lotta a favore dell’autodeterminazione dei corpi e dei desideri perché, in quanto sardi e sarde, lottiamo per l’autodeterminazione del nostro popolo e per la libertà di scegliere autonomamente il nostro destino;
ci riconosciamo nella lotta per un’educazione e una istruzione libere da stereotipi di genere perché, in quanto sardi e sarde, lottiamo ancora perché la nostra cultura in tutte le sue sfaccettature non sia più tabù nell’educazione di piccoli e grandi.

Partecipiamo perché crediamo che il progresso politico possa venire soltanto da quelle persone che con coraggio e orgoglio decidono di riprendere in mano il proprio destino.

Per una sanità sarda. Sovranità sanitaria.

11 December 2016

Iniziativa di sensibilizzazione a Sassari. Il 13 dicembre, in via Tempio 5. Ore 10

È chiaro che la proposta sul riordino della rete ospedaliera della Giunta Pigliaru intende privatizzare il Sistema Sanitario Pubblico. Un disegno cinico contro i sardi, spogliati delle proprie risorse e privati dei diritti primari.

Mentre gli ospedali dei nostri territori sono declassati e chiusi il presidente Pigliaru inventa la Asl Unica, una grande mangiatoia con sede a Sassari e con centri amministrativi decentrati come nuovi feudi politici.

Chi governa la Sardegna dovrebbe interpretare la volontà popolare: i sardi necessitano di una Riforma sanitaria studiata e concertata coi sindaci liberi, i comitati e i territori. La giunta Pigliaru chiude ospedali pubblici e apre a nostre spese ospedali privati delle multinazionali.

Chi governa la Sardegna non ha avuto deleghe per compensare le proprie incapacità ricorrendo a risorse esterne alla collettività: nella nomina di un non sardo al governo della sanità sarda c’è una grave perdita di sovranità del popolo sardo. La delega deve tornare ai sardi.

Progetu Repùblica de Sardigna pro s’Alternativa Natzionale
#medas #sabios #imparis

Scarica il volantino in PDF

Adesione al Sardegna Pride

21 June 2016

ProgReS – Progetu Repùblica aderisce al Sardegna Pride e alle giuste rivendicazioni di parità di diritti del movimento LGBT e queer sardo e internazionale.

ProgReS lotta per l’emancipazione politica della nazione e del popolo sardo in vista del giusto riconoscimento internazionale sulla base delle proprie prerogative geografiche, storiche, culturali, linguistiche, sociali ed economiche: sulla stessa linea di pensiero, dunque, non può non identificarsi nelle lotte di chi è discriminato e non pienamente riconosciuto nella propria identità e nei propri orientamenti sessuali e affettivi.

Così come il cittadino o la cittadina sarda hanno diritto alla sovranità, all’autodeterminazione e alla libertà, allo stesso modo qualsiasi cittadino o cittadina ha diritto a essere chi sente e sceglie di essere e amare chi si è portati ad amare nelle stesse identiche condizioni di tutti gli altri, senza gerarchie o distinguo.

ProgReS osserva con ammirazione la fiera attività del movimento LGBT e queer sardo e spera che lo stesso moto d’orgoglio e lo stesso lavoro di riflessione sulla propria identità e i propri diritti siano di esempio per le lotte che ci aspettano come popolo.

Fintzas a sa coja egualitària, fintzas a sa Repùblica!

Contro l’omofobia, per una Sardegna includente

17 May 2016

di Daniela Concas
Attivista di ProgReS Progetu Repùblica
Candidata nella Lista ProgReS per Cagliari Città Capitale

Il 17 maggio è la giornata internazionale contro l’omofobia, promossa dall’Unione Europea e celebrata dal 2005, anno in cui l’OMS la rimosse dalla lista delle così dette “malattie mentali”.

OMOFOBIA: dal greco homios che significa “stesso, medesimo” e fobos, “paura”, designa una paura irrazionale, quella del diverso da se: in ultima analisi è un timore ossessivo di scoprirsi omosessuali. È perciò uno sbilanciamento tra “se” e “l’altro” che si esprime in una condanna e un giudizio verso il prossimo. Una comportamento che porta a considerazioni più profonde verso una società che divide creando solchi e verso coloro che portano avanti etichette sprezzanti, rigide e inflessibili verso l’omosessualità.

L’omofobia è quindi, in questi termini, un atto intrisecamente violento, tanto più nel contravvenire ai principi primi che regolano la nostra convivenza civile. Anche la costituzione dello stato italiano, pur non esplicitando orientamenti sessuali ne palesa la libertà di scelta: “tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono uguali davanti alla legge, senza distinzioni di sesso, razza, lingua, religione, opinioni politiche, condizioni personali e sociali.. [..] “.

Ancora più esplicito si fa il decreto legge del 19 luglio 2003 n 216, che tutelando le discriminazioni sul luogo di lavoro esplicita la questione dell’orientamento sessuale. Molti altri testi di legge o loro proposte espliciteranno tali principi di non discriminazione, che dovrebbero essere coerenti con una società autodefinitasi “democratica e civile” come la nostra.

Tutto questo fino all’importantissimo passo attuato e ottenuto con l’approvazione definitiva alla Camera l’11 maggio 2016, che riconoscendo le unioni civili riconosce anche legalmente (e finalmente) le coppie omosessuali.

Continua a leggere: Contro l’omofobia, per una Sardegna includente

Israeli Apartheid Week: ProgReS Casteddu sostiene il diritto al dibattito.

29 February 2016

ProgReS Progetu Rèpublica – Casteddu

L’Israeli Apartheid Week è una evento internazionale che ha come obbiettivo la sensibilizzazione dell’opinione pubblica sulla condizione di oppressione che il Popolo palestinese subisce nei Territori Occupati; la manifestazione, per il quarto anno consecutivo, è stata programmata anche a Cagliari da Associazioni Studentesche, Comitati e Collettivi: come avviene in centinaia di Università e campus nel mondo e come avvenuto nelle tre edizioni cagliaritane precedenti, lo svolgimento di conferenze e dibattiti è stato organizzato all’interno dei locali dell’Ateneo.

 A pochi giorni dall’inizio della manifestazione però il Rettore Del Zompo ha ritirato la disponibilità a fornire gli spazi dell’Università e contestualmente quella dei “docenti che si sono detti disponibili a partecipare all’iniziativa”; tutto ciò è avvenuto dopo che, secondo gli organizzatori, l’Università di Cagliari, come quelle italiane, ha ricevuto pressioni politiche da parte dell’ambasciata israeliana.

Contestualmente a questi fatti, il Coordinamento politico di ProgReS Casteddu intende esprimere la propria solidarietà al Popolo palestinese, vessato da politiche di colonizzazione nei Territori Occupati e da leggi che discriminando i palestinesi di cittadinanza israeliana configurano un regime di apartheid perpetrato nel totale spregio dei diritti fondamentali dell’uomo.

Politicamente riteniamo gravissime le ingerenze diplomatiche che, nel silenzio totale delle istituzioni cittadine, hanno portato alla presa di posizione del Rettore che ha, de facto, esercitato una censura accademica nei confronti del dibattito sulla questione palestinese.

Invitiamo pertanto i nostri iscritti e sostenitori a prendere parte agli eventi in programma durante l’Israeli Apartheid Week, che avranno comunque luogo a Cagliari, in primis per confermare la vicinanza della nostra organizzazione alla lotta di Liberazione Nazionale del Popolo palestinese ed in seconda battuta per continuare ad esercitare il diritto d’opinione e di critica verso le politiche di segregazione e limitazione del diritto di autodeterminazione dei Popoli.

Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne

25 November 2015

di Carla Carcangiu Pilia
Presidente di ProgReS Progetu Repùblica

“Uomo/donna è forse la schiavitù più feroce che esista in termini di identità: uno degli ostacoli più ardui da superare, allorché si aspiri a una reintegrazione che porti a conoscersi in quanto esseri umani. E un essere umano non è specificatamente uomo o donna: ha le qualità di entrambi” – Osho.

Nella celebrazione di questa giornata ProgReS Progetu Repùblica vuole ricordare la tragica storia che ha ispirato la ricorrenza internazionale, confermando l’impegno a promuovere una politica che rimuova il dualismo oppressore/vittima che si identifica nel maschio/femmina. L’identità determinata dall’essere maschio o femmina è una costruzione ideologica, sociale e politica che non deve in alcun modo costituire oggetto di sopraffazione o abnegazione. Vogliamo contribuire a costruire una società libera basata sull’inclusività, dove le “differenze” non limitino né minaccino la vita, ma ne favoriscano le opportunità.

Storia del 25 Novembre

Erano tre giovani donne le sorelle Mirabal, assassinate il 25 novembre di oltre mezzo secolo fa perché oppositrici di un governo tirannico e brutale come quello di Rafael Leonidas Trujillo, nella Repubblica Dominicana. La Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne, che si celebra in tutto il mondo il 25 novembre, prende le mosse proprio dal sacrificio di Maria Argentina Minerva, di Antonia Maria Teresa e di Patria Mercedes, uccise il 25 novembre del 1960 mentre andavano a trovare i propri mariti in carcere. L’assassinio delle sorelle Mirabal è stato dunque preso ad esempio dall’Onu, su indicazione nel 1981 di un gruppo di donne riunitesi in un consesso femminista a Bogotà, per designare – con la risoluzione 54/134 del 1999 – il 25 novembre come Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. La ferocia dell’atto perpetrato dagli uomini di Trujillo spiega bene l’intendimento delle Nazioni Unite: il 25 novembre del 1960 le tre sorelle furono intercettate dagli uomini del dittatore mentre si dirigevano a trovare i propri mariti in un carcere del Paese latino americano. Portate nei campi, vennero uccise a bastonate per poi essere riportate in macchina e spinte in un burrone, per simulare una loro morte casuale. Una vicenda che da lì a poco si diffuse dalla piccola Ojo de Agua (provincia di Salcedo) ovunque, fino a diventare il triste emblema delle violenza maschile, che ancora oggi – 52 anni dopo quell’accadimento – continua a perpetuarsi in tutto il mondo anche in quello più civilizzato, declinandosi dal femminicidio alla violenza fisica, dallo stalking allo stupro, dalle violenze domestiche fino al mobbing sul posto di lavoro. Tutte espressioni distorte del potere diseguale tra donne e uomini.