Mamma, ti regalo il tuo cognome 2014 – 3° Edizione

Mama, ti dono su sambenadu tuo 2014 – Sa de tres editziones

 

Come avremmo conosciuto “s@s Mann@s de Sardigna” se avessero usato anche il cognome della Madre?

 

Eleonora de Rocaberti Serra-Bas – figlia di Timbora e Mariano IV – Molins de Rei 1347 – Giudicessa

Juanne Maria Angioy Arras – figlio di Pier Francesco e Margherita – Bono 1751 – Patriota

Grazia Cambosu Deledda – figlia di Francesca e Giovanni Antonio – Nugoro 1871 – Scrittrice

Antonio Gramsci Marcias – figlio di Francesco e Giuseppina – Ales 1891 – Politico

Costantino Nivola Mele – figlio di Nicola e Giovanna – Orani 1911 – Scultore

Maria Mereu Lai – figlia di Sofia e Giuseppe – Ulassai 1919 – Artista

Sergio Atzeni Marongiu – figlio di Licio e Graziella – Cabuterra 1952 – Scrittore

 

E’ con piacere che per il terzo anno di fila Progres – Progetu Republica de Sardigna, in occasione della festa della Mamma, lancia l’iniziativa “Mamma, ti regalo il tuo cognome”.

Il nostro obiettivo è quello di riportare l’attenzione su uno dei temi simbolici riguardanti la parità di genere, che deve partire anche dalle piccole cose e non può essere certo considerata un’opzione.

 

La manifestazione ha lo scopo di sensibilizzare le cittadine e i cittadini sul tema della trasmissione del cognome ai figli. La posizione di Progres – Progetu Repùblica è quella di introdurre una norma che favorisca in modo agevole l’utilizzo del doppio cognome, o più in generale che lasci libertà di scelta ai genitori.

 

La normativa dello stato italiano, a cui la Sardegna deve fare (purtroppo) ancora riferimento, è di stampo strettamente patriarcale. Non vi è libertà di scelta per i cittadini.

 

Se il neonato è figlio di una donna sposata prenderà sempre e solo il cognome del marito. Lo stato non prevede scelta in questo caso. Solo in un secondo momento si potranno avviare le pratiche per il cambio di cognome.

 

All’inizio di quest’anno la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo ha condannato lo stato italiano per aver negato ad una coppia di genitori la possibilità di dare il solo cognome materno alla propria figlia.

 

Sempre nel mese di gennaio del 2014 il Consiglio dei Ministri ha approvato un disegno di legge che prevede l’obbligo per l’ufficiale di stato civile dell’iscrizione all’atto di nascita del solo cognome materno, a patto che ci sia l’accordo tra i genitori.

Nessuna parità dunque: sarà sempre il papà ad avere un potere maggiore all’interno della coppia. In caso di un suo rifiuto il cognome registrato sarà solo il suo.

 

Eppure il doppio cognome non è poi una pratica così desueta o particolarmente complessa da applicare come alcuni possono credere. In Francia, Germania e Regno Unito i genitori hanno libertà di scelta sul cognome da assegnare ai figli: solo paterno, solo materno o entrambi. In Spagna, così come nei paesi dell’America Latina, vige la regola del “doppio cognome”, per cui ogni individuo porta il primo cognome di entrambi i genitori, nell’ordine deciso in accordo tra di essi.

Nella Repubblica del Venezuela il doppio cognome è un diritto sancito dalla costituzione:

   Articolo 56

Ogni persona ha diritto a un nome proprio, al cognome del padre e a quello della madre e a conoscerne l’identità. Lo Stato garantisce il diritto di ricercare la maternità e la paternità. Ogni persona ha diritto ad essere iscritta gratuitamente nel registro civile dopo la nascita e ad ottenere documenti pubblici che comprovino la sua identità biologica, in conformità alla legge. Questi non conterranno alcuna menzione che qualifichi la filiazione.

 

Questa tradizione tipicamente iberica dell’utilizzo del doppio cognome è stata per parecchio tempo protagonista anche in Sardegna. Sono vari i documenti che attestano questa consuetudine.

 

Un esempio storico che ci piace menzionare è quello relativo all’elenco dei condannati a seguito della sommossa popolare denominata “Su Trumbullu” nel comune di Sanluri nel 1881. Tutti gli 82 arrestati e rinviati al giudizio della Corte di Assise di Cagliari, vengono menzionati con due cognomi.

 

ProgReS ritiene che solo una volta raggiunta una sostanziale parità tra i generi la Nazione Sarda potrà conoscere un rilancio oltre che morale anche economico. Senza il superamento di una società patriarcale come questa, passando per un riequilibrio dei poteri tra i generi nelle istituzioni, nel lavoro e nella famiglia, non ci sarà nemmeno un risanamento della nostra economia.

 

E’ per questo che anche quest’anno, in occasione della festa della Mamma, Progetu Republica invita tutte le sue/i suoi attiviste/attivisti, sostenitrici/sostenitori e tutti i Sardi a modificare il proprio profilo sui principali social network ( Facebook, Twitter, Google+) aggiungendo al proprio nome il cognome materno. Un piccolo gesto per un significato molto più grande; omaggiare le proprie madri.

 

Cara mamma,

quest’anno, per la tua festa, ti regalo il tuo cognome.

 

Mama, ti dono su sambenadu tuo 2014 – Sa de tres editziones

Sa Sardigna torrat gràtzias a is mamas de s’istòria!

 

 

Comente diamus a connòschere sos mannos de Sardigna chi aiant imperadu su sambenadu de sa mama issoro?


Eleonora de Rocaberti Serra-Bas– fìgia de Timbora e Mariano IV – Molins de Rei 1347 – Juikissa

Juanne Maria Angioy Arras – fìgiu de Pier Francesco e Margherita – Bono 1751 – Patriota

Grazia Cambosu Deledda– fìgia de Francesca e Giovanni Antonio – Nùgoro  1871 – Iscritora

Antonio Gramsci Marciasfìgiu de Francesco e Giuseppina – Abas 1891 – Polìticu

Costantino Nivola Mele fìgiu de Nicola e Giovanna – Orane 1911 – Artista

Maria Mereu Lai – fìgia de Sofia e Giuseppe – Ulassa 1919 – Artista

Sergio Atzeni Marongiu fìgiu de Licio e Graziella – Cabuderra 1952 – Iscritore


Est cun praghere chi, pro sa de tres editziones, ProgReS – Progetu Repùblica promovet s’initziativa “Mama, ti dono su sambenadu tuo”.

S’ambitzione est cussa de torrare a ponnere atentzione a unu de is singiales de sa paridade de gènere, chi depet incumentzare fintzas de is cosas piticas e no podet essere petzi unu issèberu.


Custa manifestatzione peleat a sensibilizare is tzitadinas e is tzitadinos a intro de su tema de su tramandu de su sambenadu a is fìgios. Sa bidea de ProgReS – Progetu Repùblica est cussa de iscrìere una lege chi potzat garantire s’imperu de is duos sambenados e s’issèberu lìberu pro sa mama e su babbu.

 

Sa normativa de s’istadu italianu, sa chi sa Sardigna depet ancora sighire, tenet una bisione mescamente patriarcale. No tenet peruna libertade de isberu pro is tzitadinos.

 

Chi sa pipia / su pipiu est fìgia/u de una mugere cojuada at a tènnere semper e solu su sambenadu de su babbu. Po s’istadu no b’at isberu in custu casu. Petzi a pustis s’ant a podere incumentzare is pràticas pro su mbiu de su sambenadu.

 

A su cumentzu de ocannu Sa Corte Europea de is Deretos de s’Òmine at cundennadu s’istadu italianu proite ca no at permìtidu a una mama e unu babbu sa possibilidade de pònnere solu su sambenadu de sa mama a sa fìgia issoro.

Semper in su mese de Ghennàrgiu de su 2014 su Consìgiu de is Ministros at aprovadu unu disegnu de lege chi òbligat a s’ufitziale de istadu tzivile a pònnere petzi su sambenadu de sa mama in s’atu de nàschida, ma solu si su babbu e sa mama sunt de acòrdiu totu e duos.

 

De gasi est craru ca no b’at paridade: at a essere semper e solu su babbu a tènnere su podere a intro de sa còpia ca, chi issu no bolet, su sambenadu de sa pipia / su pipiu at a èssere solu su suo.


Epuru su dòpiu sambenadu no est cosa disausada o complicada meda de imperare comente calicunu podet immaginare. In Frantza, Germània e Regnu Unidu is mamas e is babbos tenent libertade de isberu in pitzus de is sambenados pro is fìgias/fìgios: sulu su de su babbu, solu su de sa mama o totu e duos. In Ispagna, comente fintzas in is istados de s’Amèrica Latina, b’at sa règula de su dòpiu sambenadu: ognunu tenet su primu sambenadu de sa mama e de su babbu, in su òrdine chi detzident issos.

 

In sa Repùblica Bolivariana de su Venetzuela su dòpiu sambenadu est unu deretu de sa Costitutzione:

 

Art. 56

Onni persone tenet deretu a unu nùmene pròpiu, a su sambenadu de su babbu e a cussu de sa mama e a nde connòschere s’identidade. S’istadu garantit su deretu de chircare sa mama e su babbu. Onni persone tenet deretu a essere iscrita gratuitamente in su registru tzivile a pustis de sa nàschida e a otènnere is documentos pùblicos chi atestant s’identidade biològica sua, in cunformidade a sa lege. Custos documentos no ant a tènnere peruna mentzione chi podet cualificare s’erèntzia.

 

Custa traditzione, mescamente ibèrica, de su dòpiu sambenadu est istada imperada fintzas in Sardigna pro meda tempus. Sunt medas is documentos chi dd’atestant.

 

Unu esèmpiu chi si praghet a regordare est cussu de s’elencu de is cundennados a pustis de sa rebellione populare cramada “Su Trumbullu”, istètia in Seddori in su 1881. Totus is 82 arrestados sunt cramados cun duos sambenados.

 

ProgReS creet ca petzi cando amus a tènnere una paridade de gènere a beru tando amus a connòschere fintzas una Sardigna prus forte moralmente e economicamente. Sena de pònnere a una parte custa sotziedade patriarcale, abbaidende a in antis pro unu echilìbriu giustu de sos gèneres intro de is istitutziones, de su traballu e de sa famìllia, no amus a tènnere mancu una economia sanada e pròspera.

 

Est pro custu, duncas, ca ocannu puru ProgReS Progetu Repùblica, pro sa festa de sa mama, cumbidat totus is ativistas, sustenidores e totus is Sardos a cambiare su profilu in is Social Networks (Facebook, Twitter, Google+,…) agiunghende a su nùmene fintzas su sambenadu de sa mama. Est unu singiale piticu pro unu significadu meda prus mannu: torrare gràtzias a is mamas nostras.

 

Mama cara,

ocannu, pro sa festa tua, ti dono su sambenadu tuo.

 

 

Fonti:

http://documenti.camera.it/leg16/dossier/testi/NIS16010.htm

http://www.cognomematerno.it/

http://en.wikipedia.org/wiki/Hispanic_American_naming_customs

http://www.sabattalla.it/sanluri/i_moti/su_trumbullu.htm

Cumentos

cumentos