Quel che rimane dopo il referendum

6 December 2016 Lascia un commento »

La Sardegna ha detto No. Oltre il 72% dei cittadini sardi ha votato contro la riforma costituzionale anche al fine, come affermato dal Presidente del Consiglio Regionale Ganau, di non vedere limitato o cancellato lo spazio di autonomia, a nostro giudizio storicamente insufficiente a difendere con efficacia gli interessi della nostra Nazione.

Focalizzando la questione sulla nostra terra, il dato politico rilevante è che oggi il presidente Pigliaru, con la sua visione politica e le sue strategie unioniste, ha clamorosamente fallito. La sua sconfitta è ancora più eclatante di quella del suo datore di lavoro Matteo Renzi, già dimessosi dalla carica di primo ministro. Pigliaru e la sua impalpabile Giunta oggi appaiono al popolo sardo come un corpo estraneo, isolati dal contesto sociale in cui dovrebbero governare e vivere, totalmente inadatti a guidare la Nazione sarda.

Non possiamo neanche parlare di un ridimensionamento della forza di un Presidente e di una Giunta che sono stati eletti con il voto di due sardi su dieci e che di fatto non hanno mai rappresentato la comunità sarda. In tal senso le dimissioni del Presidente Pigliaru, così platealmente delegittimato, sarebbero un atto dovuto, un gesto di dignità e responsabilità, ma sappiamo bene che ciò non avverrà. Se c’è una cosa a cui la classe politica sarda unionista è attaccata è la poltrona, la coerenza non è un concetto che rientra nella loro sfera politica.

La domanda che ora dobbiamo porci è quale possa essere il campo d’azione e di proposta delle forze politiche che sono rimaste escluse dalla rappresentanza in Consiglio Regionale da una legge elettorale iniqua.

Così come abbiamo suggerito prima del referendum, a nostro avviso è necessario dare inizio a una fase costituente per la riscrittura dello Statuto sardo che allarghi gli spazi di sovranità su temi cruciali per il nostro futuro come fiscalità, istruzione, energia, politiche sociali e beni culturali. Una Carta Fondamentale dei sardi che allarghi il nostro orizzonte politico fondata su tre principi come il riconoscimento della Nazione sarda, la co-ufficialità della Lingua sarda e delle altre Lingue di Sardegna, nonché il diritto a decidere.

Per questo rinnoviamo l’invito alla massima partecipazione dei soggetti politici nazionali sardi e a tutti i cittadini che oggi hanno preso coscienza dei pericoli legati agli istinti centralisti dello Stato italiano. Riscrivere lo Statuto insieme sarà un atto di unità e di responsabilità nazionale. Cambiare lo Statuto per cambiare la Sardegna può e deve essere il nostro obiettivo storico, la nostra missione, la strada comune verso la piena emancipazione politica, economica e sociale del popolo sardo.

***

Cussu chi abarrat pustis de su referendum

Sa Sardigna at naradu Nono. Prus de su 72% de is tzitadinos sardos at votadu contra a sa reforma costitutzionale fintzas cun sa punna, comente at naradu su Presidente de su Consìgiu Regionale Ganau, de non bìdere limitadu o cantzelladu s’ispàtziu de autonomia, a bisura nostra non sufitziente a amparare in manera bona is interessos de sa Natzione nostra.

Donende atentu a sa chistione a pitzus de sa terra nostra, su datu polìticu prus importante est ca oe su presidente Pigliaru, cun sa bisione polìtica sua e is istrategias unionistas suas, at faddidu in manera ispantosa. Sa derrota est galu prus manna de cussa de su mere de traballu suo Matteo Renzi, chi s’est giai dimìtidu dae primu ministru. Pigliaru e sa Giunta sua lèbia-lèbia oe parent a su pòpulu sardu che unu corpus istràngiu, isulados dae su cuntestu sotziale chi diat a dèpere guvernare e bìvere, bonos pro nudda a ghiare sa Natzione Sarda.

Non podimus nemmancu chistionare de unu minimamentu de sa fortza de unu Presidente e de una Giunta chi sunt istados eletos cun su votu de duos sardos intre deghe e chi de fatu no ant mai rapresentadu sa comunidade sarda. In custu sentidu is dimissiones de su Presidente Pigliaru, aici craramente isbirgongiadu, diant a èssere un’atu obligadu, unu gestu de dignidade e de responsabilidade, ma ischimus bene chi costu no at a acontèssere. Si b’est una cosa chi sa classe polìtica sarda unionista est apoddada, cussa est sa cadira, sa coerèntzia no est unu cuntzetu chi torrat in sa manera issoro de fàghere polìtica.

Sa pregonta chi nos depimus pònnere est cale potzat èssere su campu de atzione e de proposta de is fortzas polìticas chi sunt abarradas in foras dae sa rapresentàntzia in Consìgiu Regionale dae una lege eletorale isballiada.

Aici comente amus consigiadu antis de su referendum, pro nois est pretzisu cumintzare una fase costituente pro torrare a iscrìere s’Istatutu sardu chi ammànniet is ispàtzios de soberania a pitzus de temas fundamentales che a sa fiscalidade, s’istrutzione, s’energia, is polìticas sotziales e is benes culturales. Una Carta Fundamentale de is sardos chi abèrgiat s’orizonte polìticu nostru a pesada a pitzus de tres printzìpios che a su reconnoschimentu da sa Natzione Sarda, sa co-ufitzialidade de sa Limba sarda e de is àteras Limbas de Sardigna, e su deretu a seberare.

Pro custu torramus a cumbidare a sa partetzipatzione màssima totus is sugetos polìticos natzionales sardos e a totus is tzitadinos chi oe ant pigadu cussèntzia de is perìgulos chi benint dae su tzentralismu de s’Istadu italianu. Torrare a iscrìere s’Istatutu impare at a èssere un’atu de unidade e de responsabilidade natzionale. Cambiare s’Istatutu pro mudare sa Sardigna podet e depet èssere s’obietivu istòricu nostru, sa missione nostra, sa carrera comuna cara a s’emantzipatzione polìtica, econòmica e sotziale prena de su pòpulu sardu.