Lingue e Culture

S’atualidade de su pensu de Antoni Simon Mossa – A chentu annos dae sa nàschida

22 November 2016

«Nois bolimus nàrrere a is sardos, a totus cussos sardos chi ancora non si sunt bèndidos a s’opressore, chi sufrint in pàtria o in su disterru pro no renuntziare a sa dignidade issoro a sa cunditzione issoro de òmines lìberos, cherimus nàrrere a issos chi tenimus su coràgiu de batalliare pro sa liberatzione de sa Sardigna, pro s’indipendèntzia polìtica e econòmica de su pòpulu sardu, pro s’abolitzione de s’ùrtimu e de su prus malu regime coloniale de s’Europa»

(Antoni Simon Mossa, Sardigna Libera, abrile 1971)

Su chentenàriu de sa nàschida de Antoni Simon Mossa (22 de Ledàmene de su 1916 — 22 de Ledàmene de su 2016) nos portat – ancora una borta – a arresonare a pitzus de sa dimensione intelletuale e polìtica de una de is personalidades prus istimadas de su Noighentos in Sardigna.

Ativista polìticu, architetu innovadore, giornalista, biagiadore addotu e incansàbile, pintore e disegnadore, regista e iscenegiadore, poeta e poliglota, mortu prima de s’ora in su 1971 a s’edade de 55 annos, Antoni Simon Mossa at lassadu biu su regordu de una personalidade ispantosa e geniale.

Su pensamentu suo est galu oe unu de is fundamentos de s’indipendentismu sardu. A issu si depet sa càmbiu, a su mancu in is faeddos, de su movimentu: paràulas comente «natzione sarda», «pòpulu sardu» e «identidade natzionalitària» – is su sentidu modernu issoro – sunt istados fatos intrare is sa dibata pùblica dae su pensadore aligheresu.

S’impignu polìticu suo a favore de s’indipendèntzia e de sa soberania econòmica, sotziale e culturale de sa natzione e de su pòpulu sardu, sa bisione sua de un’Ìsula indipendente e integrada in manera perfeta cun is pòpulos de su Mediterràneu e de s’Europa, est cantu de prus modernu s’agatet in su pensieru polìticu contemporàneu in Sardigna.

Is sèmenes ispartzinados dae Simon Mossa ant tentu bisòngiu de prus de barant’annos pro pònnere raighinas, ma fiant sèmenes bonos. A is generatziones de su presente e a cussas chi ant a bènnere tocat sa tarea de pònnere in pràtica cussa rivolutzione sotziale chi est netzessària pro sa conchista de s’indipendèntzia.

Progetu Repùblica de Sardigna a chentu annos dae sa nàschida ammentat cun afetu e reconnoschèntzia sa figura e su pensu de Antoni Simon Mossa ca gràtzias a issu amus fraigadu sa bisione nostra de una Sardigna indipendente, in su momentu istòricu de immoe, a pitzus de is caraterìsticas geogràficas, istòricas, culturales, linguìsticas, sotziales e econòmicas nostras. Pro donare sa manera a is sardas e a is sardos de tènnere una rapresentàntzia e una sugetividade pròpia, cunsapèvole, soberana e lìbera, aici comente naramus in su Manifestu Polìticu nostru.

prs_simonmossa_srd

__

L’ACTUALITAT DEL PENSAMENT DE ANTONI SIMON MOSSA PELS CENTS ANYS DE LA NÀIXITA

«Mosaltros volem diure als sardos, a tots aquellos sardos que no se són encara venuts a l’opressor, que sufrin en pàtria o a fora per no renunciar a la dignitat i a la condició d’homes llibres, volem diure a tots aqueixos que tenim lo coratge de lluitar per l’alliberació de la Sardenya, per la independència política i econòmica del pòpul sardo, per la abolició de l’últim, idel més brutal regim colonial d’Europa.»

(Antoni Simon Mossa, Sardigna Libera, abril 1971)

Lo centenari de la nàixita de Antoni Simon Mossa (22 santandria 1916 – 22 sandandria 2016) mos porta – encara una volta – a pensar a la dimensió intel•lectual i política d’una de les personalitats més apreciades del Noucents en Sardenya.

Activista polític, arquitecte innovador, jornalista, viatjador culte i infatigable, pintor i disenyador, regista, poeta i poliglota, mort prematurament a 55 anys l’any 1971, Antoni Simon Mossa ha deixat viu un record d’una personalitat eclèctica i genial.

Lo sou pensament és encara avui una pedra de fundació de l’independentisme sardo. A ell se deu un cambiament també lexical del moviment: paraules com «nació sarda», «pòpul sardo» i «identitat nacionalitària» – amb un significat modern – sono estats introduït en lo dibàtit públic del pensador alguerés. Lo sou empenyo polític a favor de la independència i de la sovranitat econòmica, social i cultural de la nació i del pòpul sardo, la sua visió de una Ísola independent i perfectament integrada amb els pòpuls mediterranis i europeus, són los conceptes més modernos del pensament polític contemporani en Sardenya.

La llavor sembrada de Simon mossa ha tengut menester de més de quaranta anys per atequir, però era una bona llavor. A les generacions del present i a aquelles que vengueran lis hi toca l’encàrrec de posar en acte aquella revolució social sense la qual no és possible conquistar la independència.

Progetu Repùblica de Sardigna, en ocasió del centenari de la nàixita, recorda amb afecte i agraïment la figura i lo pensament polític de Antoni Simon Mossa gràcies al qual havem forjat la nostra visió de Sardenya independent, en l’actual moment històric. Una concepció basada a damunt de prerrogatives geogràfiques, històriques, culturals, lingüístiques, socials i econòmiques. Per dar manera a les sardes i als sardos de s’aprevinir d’una representànça, i de una subjectivitat pròpia, conscient, sovrana i llibre, així com declarem al nostro Manifest Polític.

prs_simonmossa_cat

__

L’ATTUALITÀ DEL PENSIERO DI ANTONI SIMON MOSSA A CENTO ANNI DALLA SUA NASCITA

«Noi vogliamo dire ai sardi, a tutti quei sardi che ancora non si sono venduti all’oppressore, che soffrono in patria o all’estero per non rinunciare alla loro dignità e alla loro condizione di uomini liberi, vogliamo dire a tutti costoro che abbiamo il coraggio di batterci per la liberazione della Sardegna, per l’indipendenza politica ed economica del popolo sardo, per l’abolizione dell’ultimo e più brutale regime coloniale d’Europa»

(Antoni Simon Mossa, Sardigna Libera, aprile 1971)

Il centenario dalla nascita di Antoni Simon Mossa (22 novembre 1916 – 22 novembre 2016) ci porta – ancora una volta – a riflettere sulla dimensione intellettuale e politica di una delle personalità più stimate del Novecento in Sardegna.

Attivista politico, architetto innovatore, giornalista, viaggiatore colto e instancabile, pittore e disegnatore, regista e sceneggiatore, poeta e poliglotta, prematuramente scomparso nel 1971 all’età di 55 anni, Antoni Simon Mossa ha lasciato vivo il ricordo di una personalità eclettica e geniale.

Il suo pensiero costituisce ancora oggi uno dei capisaldi dell’indipendentismo isolano. A lui si deve una svolta, perlomeno lessicale, del movimento: termini come «nazione sarda», «popolo sardo» e «identità nazionalitaria» – nella loro accezione moderna – sono stati introdotti nel dibattito pubblico dal pensatore algherese.

Il suo impegno politico a favore dell’indipendenza e della sovranità economica, sociale e culturale della nazione e del popolo sardo, la sua visione di un’Isola indipendente e perfettamente integrata con i popoli mediterranei ed europei, è quanto di più moderno esista nel pensiero politico contemporaneo in Sardegna.

I semi sparsi da Simon Mossa hanno avuto bisogno di oltre quarant’anni per attecchire, ma erano semi buoni. Alle generazioni del presente e a quelle che verranno spetta il compito di mettere in atto quella rivoluzione sociale senza la quale non è possibile la conquista dell’indipendenza.

Progetu Repùblica de Sardigna nel centenario dalla sua nascita ricorda con affetto e riconoscenza la figura e il pensiero politico di Antoni Simon Mossa grazie al quale abbiamo forgiato la nostra visione di una Sardegna indipendente, nell’attuale momento storico, sulla base delle proprie prerogative geografiche, storiche, culturali, linguistiche, sociali ed economiche. Per dare modo alle sarde e ai sardi di dotarsi di una rappresentatività e di una soggettività propria, consapevole, sovrana e libera, così come enunciamo nel nostro Manifesto Politico.

prs_simonmossa_ita

Cantu balet sa limba nostra?

19 November 2016

Progetu Repùblica de Sardigna denùntziat s’aprovatzione mancada de su Pranu pro sa valorizatzione de sa limba e de sa cultura sarda dae parte de sa Regione Sardigna, a giai-giai tres annos de distàntzia dae s’intrada de sa Giunta Pìgliaru.

Unu dannu mannu pro s’Ìsula, cunsiderende ca su Pranu rapresentat un’aina fundamentale pro sa programmatzione de is interventos e sa definitzione de is obietivos in tema de initziativas culturales, benes culturales, istrutzione pùblica, s’ispetàculu e editoria.

Su fallimentu de s’atzione polìtica de s’Assessora Claudia Firino (Sinistra Ecologia Libertà) e de totu sa coalitzione de su tzentru-manca italianu a su guvernu de sa Regione Sardigna paret prus ladinu si ddu ponimus a cunfrontu cun is fainas de natziones comente sa Catalugna e sa Còrsica. Sa Generalitat de Catalunya, pro nàrrere, at postu resursas pro 159.034.423,14 de èuro pro pònnere in pràtica su pranu annuale de polìtica linguìstica, est a nàrrere 21,20 èuro pro abitante; sa Cullettività Territuriale di Corsica de àtera manera at aprovadu dae pagu sa «Pianificazione per a nurmalizazione di a lingua corsa è u prugressu versu una sucetà bislingua» chi previdet investimentos pro su 2016 de 3.953.125,00 èuro e pro su 2020 de 9.651.184,00 èuro: est a nàrrere unu tante de 12,35 èuro pro abitante pro ocannu, fintzas a giai 30,15 èuro pro abitante in su 2020. In cunfrontu sa Sardigna, chi ponet isceti 2,42 èuro pro abitante, pro un’importu totale in su 2015 de isceti 4.000.000,00 de èuro, non dimustrat peruna capatzidade – e fintzas prus pagu bisione de su benidore – in tema de polìtica linguìstica e a pitzus de sa responsabilidade istòrica de defensare sa sienda immateriale nostra prus importante.

Progetu Repùblica pensat chi siat urgente unu càmbiu de diretzione e chi siat fundamentale sa normalizatzione, s’imparu e s’impreu de sa limba sarda, e de is àteras limbas de sa Sardigna. De àtera manera su sardu at a tènnere sa sorte – a dolu mannu – de isparèssere in deghe o bint’annos. A onni manera pensamus chi sa Giunta Pìgliaru, a duos annos dae is eletziones chi ant a bènnere, no at a tènnere s’interessu a cambiare su passu a pitzus de is polìticas linguìsticas: is fatos nos ammustrant ca is partidos italianos càstiant a su folcklore sardu prus che a sa cultura sarda.

Full Slide
___

Progetu Repùblica de Sardigna denuncia la mancata approvazione del nuovo Piano per la valorizzazione della lingua e della cultura sarda da parte della Regione Sardegna, a quasi tre anni di distanza dall’insediamento della Giunta Pigliaru.

Un grave danno per l’Isola, considerato che il Piano rappresenta lo strumento fondamentale per la programmazione degli interventi e la definizione degli obiettivi in materia di iniziative culturali, beni culturali, pubblica istruzione, spettacolo ed editoria.

Il fallimento dell’azione politica dell’Assessore Claudia Firino (Sinistra Ecologia Libertà) e di tutta la coalizione del centrosinistra italiano al governo della Regione Sardegna appare maggiormente evidente se confrontato con l’operato di nazioni come la Catalogna e la Corsica. La Generalitat de Catalunya, ad esempio, ha destinato risorse per 159.034.423,14 euro per l’attuazione del piano annuale di politica linguistica, ovvero 21,20 euro per abitante; la Cullettività Territuriale di Corsica ha invece varato di recente una importante «Pianificazione per a nurmalizazione di a lingua corsa è u prugressu versu una sucetà bislingua» che prevede investimenti per il 2016 di 3.953.125,00 euro e per il 2020 di 9.651.184,00 euro: ovvero uno stanziamento di 12,35 euro per abitante per l’anno corrente, fino a ben 30,15 euro per abitante nel 2020. In confronto la Sardegna, che destina appena 2,42 euro per abitante, per un importo totale per il 2015 di appena 4.000.ooo,00 di euro, non dimostra nessuna capacità – e ancora meno lungimiranza – in tema di politica linguistica e sulla responsabilità storica di difendere il nostro patrimonio immateriale più importante.

Progetu Repùblica ritiene urgente un cambio di rotta e ritiene fondamentale la normalizzazione, l’insegnamento e l’uso ufficiale della lingua sarda, nonché la tutela delle altre lingue minoritarie presenti nell’Isola. Contrariamente il sardo sarà purtroppo destinato a estinguersi nel giro di due decadi. Cionondimeno riteniamo comunque improbabile che l’attuale Giunta Pigliaru, a soli due anni dalle prossime elezioni, avrà l’interesse ad effettuare un cambio di passo sulle politiche linguistiche: i fatti ci dimostrano che i partiti italiani hanno a cuore il folklore sardo piuttosto che la cultura sarda.

Insegniamo e impariamo il sardo

3 March 2016

di Laura Fois – Responsabile Comunicazione ProgReS Casteddu
in risposta all’articolo “Ma cali sardu…we need to learn English!” apparso su Casteddu online

Ho studiato e lavorato in Spagna e in Inghilterra. L’Erasmus mi ha iniziato all’Europa, alla multiculturalità, a nuovi punti di vista. Durante i sei anni vissuti all’estero, ho incontrato molte persone che neanche sapevano dove fosse la Sardegna. Altre restavano affascinate dai miei racconti, non solo perché mostravo orgogliosa foto di spiagge e nuraghi.

Molte volte mi sono dispiaciuta, quando mi chiedevano di parlare la mia lingua o almeno il dialetto della mia città. Mi dava sempre futta. E si stupivano, americani e colombiani, baschi e catalani, quando ammettevo il mio più grande deficit linguistico. Mi son sempre limitata, purtroppo, a fare solo qualche battuta in sassarese; vivendo a Cagliari ho invece appreso qualche termine casteddaju, il campidanese un po’ lo capisco. Ma faccio fatica, vorrei impararli tutti una buona volta.

Avrei voluto che me lo insegnassero a scuola e anche all’università. Sarebbe stato bello, dare un esame in sardo. A Madrid stavo per iniziare un corso di euskera. Un altro rimpianto, non averlo fatto.

In casa si è sempre parlato italiano, anche un po’ di sassarese a dir la verità, ma non così fluently. Quando ero piccola sentivo spesso adulti e coetanei dire che chi si esprimeva in sassarese era grezzo. Sono stati proprio i miei compagni di viaggio in Europa a farmi sentire spoglia, incompleta. Rimpiango un passato che non ho potuto raccontare.

Ma è stato un italiano a farmi vergognare più di tutti. «Come è possibile che esista un sardo che non sa il sardo?», mi aveva chiesto un amico abruzzese. Sapeva benissimo che sapevo parlare inglese e spagnolo, che potevo interagire con la maggior parte della popolazione mondiale. Ma ha capito in un secondo che mi mancava la parte più intima e identitaria, il canale di espressione più naturale e istintivo: la mia parola, il linguaggio delle mie radici. La mia storia.

Vorrei poter recuperare il tempo perduto, so che lo farò. Vorrei che non lo perdessero le nuove generazioni. Altrimenti lo rimpiangeranno, soprattutto quando viaggeranno, ritorneranno e ripartiranno ancora. Allora rimbocchiamoci le maniche, insegniamo ai più piccoli il sardo, l’inglese, l’italiano. We need to learn, sì, anche a pensare, prima di disinteressarci della nostra coscienza che in sardo ha parlato prima che ne avessimo una.

La linea e il cerchio: un pensiero sostenibile per le politiche in Sardegna

31 July 2015

di Roberto Spano
Responsabile Cultura e Identità di ProgReS Progetu Repùblica

«L’alternativa è tra una crescita lineare infinita, e un percorso dinamico circolare» questa in estrema sintesi il messaggio più profondo lanciato lo scorso 28 luglio da Vandana Shiva al Workshop sulla Salute Globale nella torrida cornice del centro congressi del Nuraghe Losa, invaso pacificamente da più di mille persone (oltre alle migliaia collegate via web).

Crescita lineare e percorso circolare. Linea e cerchio. Non era un convegno di geometria euclidea, ma l’accorato appello di donne e uomini, pensatori e attivisti ambientali, per disegnare un futuro possibile. Forse l’unico futuro possibile per la concretezza della nostra vita reale in un pianeta limitato pur nella sua apparente immensità.

Vincenzo Migaleddu, medico presidente di ISDE Sardegna, tra le associazioni organizzatrici dell’incontro, apre le danze con un appassionato e documentato intervento dove spiega come le politiche industriali in Sardegna, a fronte di enormi investimenti pubblici, hanno prodotto inquinamento, degrado ambientale, innalzamento delle malattie tumorali e respiratorie, a fronte di irrisorie ricadute economiche ed occupazionali. Anzi di un impoverimento generale e aumento della disoccupazione.

E ha sfidato a riconoscere quali politiche fossero state fatte dalla destra e quali dalla sinistra: impossibile distinguerle! Perché destra e sinistra italiana trapiantate in Sardegna sono come la monocoltura di quel cotone OGM che la Monsanto ha imposto in India: un corpo estraneo alla cultura e alla natura dei luoghi, che per sopravvivere come un parassita deve uccidere l’organismo che lo ha (suo malgrado) ospitato.

In natura esiste una sola forma di crescita infinita: quella tumorale. Che infatti a un certo punto, passato un certo limite, degenera e uccide. La biosfera dove viviamo è un organismo vivente. E come tutti gli organismi viventi può esistere solo all’interno del rispetto di determinati limiti, climatici, energetici, demografici, economici. Ignorare e sorpassare questi limiti è uguale che guidare ubriachi a folle velocità, contromano in una autostrada intasata.

Continua a leggere: La linea e il cerchio: un pensiero sostenibile per le politiche in Sardegna

Sa batalla 2015: un gioco che non ha niente a che fare con la dignità della storia

29 June 2015

Il ricordo de Sa Batalla di Sanluri quest’anno nasce all’insegna della disorganizzazione ed è il risultato di screzi politici e, volendo esser più precisi o in verità realisti, è comunque una disfatta per i sanluresi e per tutto Popolo sardo.

La conseguenza di questa situazione è che il 30 giugno, data cruciale nella storia della Sardegna e del Popolo sardo, non verrà ricordato adeguatamente: purtroppo non è una novità che date importanti della nostra storia vengano sottovalutate e folklorizzate dalla “classe politica” autonimista, così come non è nuovo che vengano ignorati i veri interessi della nostra Nazione.

Dal 30 giugno 1409, data de Sa Batalla, i sardi hanno perso il diritto di autodeterminare il proprio destino; nazioni straniere, in seguito, hanno amministrato e amministrano la nostra terra, le nostre risorse ed il nostro Popolo facendo i loro interessi: la nostra gente ed i suoi bisogni non vengono minimamente considerati.

Da allora ad oggi, è passato tempo, ma il potere di costruire il futuro della Sardegna che in quell’occasione fu perso non è mai stato riconquistato dai sardi.

In Sa Batalla si scontrarono il regno di Sardegna e l’esercito aragonese, contro il giudicato d’Arborea difeso da sardi e l’esercito giudicale, ormai decimato dalla malaria, dovette ricorrere ai volontari che giunsero numerosi da tutte le parti dell’isola.

Continua a leggere: Sa batalla 2015: un gioco che non ha niente a che fare con la dignità della storia

ProgReS aderisce a Sa Die in Tundu

20 April 2015

ProgReS Progetu Repùblica aderisce al flash mob diffuso “pone·ti in tundu” organizzato dall’associazione Sa Die in Tundu.

L’evento avrà carattere diffuso, quindi potrà essere realizzato in ogni comunità o luogo simbolico, in Sardegna come nel mondo. Ovunque i sardi si trovino potranno esprimere appartenenza alla propria terra realizzando un cerchio umano per rappresentare unità e tenendosi per mano per dimostrare condivisione.

Lo faremo perché riteniamo giusto ricordare, con un gesto simbolico un momento di unità nazionale del nostro popolo, una giornata, il 28 aprile del 1794, dove i sardi guidati da Giovanni Maria Angioy diedero corpo e anima alle rivolte antifeudali, in seguito al rifiuto del governo torinese di soddisfare le richieste di sovranità dell’isola, che portano alla cacciata da Cagliari dei piemontesi e del viceré Balbiano.

Ci saremo perché riteniamo importante, al di là delle commemorazioni e rievocazioni storiche, dire al mondo che siamo un popolo e che per la nostra festa ci sentiamo tutti uniti nel ricordo della nostra storia. Perché è da semplici gesti come questi, capaci di unire cittadini sardi di diversa estrazione, che si costruisce una coscienza nazionale collettiva, che si riafferma una soggettività come popolo tra i popoli.

Continua a leggere: ProgReS aderisce a Sa Die in Tundu

Eliminadu su servìtziu limba sarda autònomu

12 March 2015

Cun su decretu n. 2/2015 s’Assessora Claudia Firinu at eliminadu su servìtziu limba sarda autònomu, e dd’at postu a cumone cun s’editoria e s’informatzione. Giurìdicamente est unu atu legìtimu ma, sende ProgReS unu partidu polìticu e no unu Tar, no podimus faltare unu giudìtziu polìticu.

E su giudìtziu nostu est ca custa giunta italo-unionista est sighende sa faina de fàghere isparèssere sa chistione linguistica dae sa tzentralidade de sas politicas suas. Nc’at finas chie at a nàrrere ca est unu sèberu pro minimare sas ispesas, ma est unu argumentu de pagu bundu, ca serbit feti a cuare sa tarea cuncreta de custa Giunta: negare ca sa limba est sa base de cale si siat polìtica pro su benidore de sa Natzione nosta.

Pònnere a cumone sa limba cun s’editoria e s’informatzione, est sa manera prus eficace pro nàrrere ca sa limba est feti unu “oggetto culturale”, de serrare in su corratzu folkloristicu in pare cun sagras de sos culurgiones e de sa supa cota; isetende chi si isperdat a sa sola.

Continua a leggere: Eliminadu su servìtziu limba sarda autònomu