Si è chiusa con una grande partecipazione popolare il sit in contro il Progetto Eleonora svoltosi in mattinata a Cagliari, davanti all’assessorato regionale all’ambiente.

ProgReS Progetu Repùblica, con i suoi attivisti e sostenitori, era presente per portare assieme ai tanti cittadini sardi un massaggio chiaro e inequivocabile ai dirigenti della Saras, quanto alla giunta di governo del presidente Pigliaru: il Progetto Eleonora non è in alcun modo compatibile con le esigenze e gli obiettivi del territorio.

Il tempo dei cosiddetti progetti “top down” in Sardegna deve finire per sempre, non possiamo più permettere lo sfruttamento indiscriminato delle nostre risorse in cambio del nulla, se non lo strazio di una terra impoverita e devastata.

Fermare oggi il progetto Eleonora non significa solo bloccare la trivellazione nel territorio oristanese di Arborea, ma significa porre un freno a tutte le speculazioni energetiche che minacciano la nostra l’isola.

ProgReS si augura che l’attuale giunta di governo prenda coscienza del brutale assalto a cui ormai veniamo sistematicamente sottoposti e quindi della necessità politica di deliberare una moratoria immediata su tutti “progetti” che mirano allo sfruttamento delle nostre risorse energetiche a fini speculativi. Che si elabori un vero piano energetico nazionale sardo capace di mettere ordine al far west che stiamo vivendo, di individuare e pianificare le priorità su cui investire per creare uno sviluppo compatibile con le prerogative dei territori.

Cumentos

cumentos