[:sc]

Is dimissiones friscas de sa Ministra de s’Isvilupu Econòmicu de su Guvernu italianu ant postu a craru – in casu bi nde esseret galu bisòngiu – de s’ammesturìtziu mannu intre sa polìtica italiana e is lobby de su petròliu e de s’energia chi, oramai a cada livellu, parent fàghere lege in is sèberos de isvilupu energèticu.

Aici comente su guvernu italianu non si podet tirare agoa da su fàghere afàrios cun chie gràtzias a su petròliu finantzias is campagnas eletorales pròpias, fintzas in s’ìsula nostra amus dèpidu sutastare pro annos a su tristu ispetàculu de amministradores e guvernantes prontos a s’incruare in antis de is rechestas de is Moratti o de is Ravelli de su tempus.

A intro de custu cuntestu disisperosu, su 17 de Abrile fintzas is tzitadinos sardos ant a èssere tzerriados a s’esprìmere a pitzus de su Referendum contra is trivellatziones off shore pedidu dae noe consìgios regionales – fintzas cussu sardu – a pitzus de sa durada de is cuntzessiones de coltivatzione petrolìfera a intro de s’àrea de is 12 mìllias marinas.

Sa pregunta, est bene a ddu nàrrere sùbitu, non pertocat in manera direta is costas de sa Sardigna, ma nos si tocat a su pròpiu in manera direta giai ca connoschimus sa positzione geogràfica nostra e is apetitos chi galu oe bi sunt a giru de su mare nostru. Non si depimus difatis iscarèssere ca sa Zona marina “E” individuada dae s’Istadu italianu comente zona bona pro is chircas petrolìferas, posta a nord-ovest de is costas sardas, est ogetu de interesses dae parte de sa sotziedade norvegesa TGS-Nopec.

Is prataformas interessadas dae su referendum sunt 92, postas prus che totu in su Mare Adriàticu e in su Canale de Sitzìlia, de custas 48 sunt funtzionantes, 39 bogant gas e isceti 9 bogant petròliu.

In totu, a fàghere is contos bene e castiende is datos donados dae su Ministeru de s’Isvilupu Econòmicu etotu, semus chistionende de tzifras chi sunt prus o mancu su 2,1% de sa produtzione totale italiana de gas e de su 0.8% de sa produtzione petrolìfera.

Nùmeros chi faghent a rìere, chi diant a bastare a solas a fàghere rùere is obbietziones a pitzus de sa possìbilidade de isparèssida de is postos de traballu in su setore o de un’improbàbile mancàntzia de forniduras energèticas in casu de bìnchida de su eja.

Dae su puntu de vista nostru, su tema beru de su referendum est de su totu polìticu e pertocat is sèberos de polìtica energètica chi depent èssere portados a in antis dae su Guvernu Italianu, e fintzas dae is rapresentantes suos in Sardigna.

E inoghe intrant in giogu is vàrios rapresentantes polìticos sardos chi in is ùrtimos meses si sunt postos che a defensores de s’ambiente, pro primu su presidente de su Consìgiu Regionale Gianfranco Ganau: dae isponsor mannu de s’ENI pro sa chìmica birde totu in una borta ambientalista a tipu Greenpeace, a cale de is duos Ganau depimus crèere?

Già, ca nointames su tentativu mannu de si pintare de birde dae parte de is rapresentantes de su PD sardu, est a beru difìtzile ismentigare s’aprovatzione de su revamping de s’inchinigiadore de Tòssilo da parte de sa Giunta, o de su mudìmene totale de Pigliaru e Ganau a pitzus de is progetos de trivellatzione on-shore chi pertocant sa Sardigna, pro primu cussu de su Progetto Eleonora de sa Saras.

Bistu su tempus coladu, tenimus dudas chi potzant lòmpere positziones craras a pitzu de custu tema, pròpiu ca bi sunt dae semper cussos ligàmenes polìticos istrintos intre is lobby de su petròliu e is rapresentantes de su partidu de guvernu prus mannu, siat in Itàlia che in Sardigna, e chi s’iscàndalu acontèssidu immoe-immoe in Roma est isceti s’ùrtimu esempru.

Nois de ProgReS Progetu Repùblica amus a votare Eja a su Referendum de su 17 de Abrile.

Amus a votare eja ca creimus in unu benidore diversu pro sa terra nostra, lìberu dae is energias fòssiles e prus che totu lìberu dae is lobby de su petròliu chi pro deghinas de annos ant cunditzionadu e sighint a cunditzionare s’isvilupu de s’ìsula nostra.

In custu iscenàriu, bolimus fintzas regordare ca su 4 de Abrile est iscadidu su tèrmine ùrtimu pro presentare osservatziones in Regione a pitzus de su Pranu Energèticu Regionale nou, in ue a intro, intre medas faeddos bonos a pitzus de s’abbassamentu de is emissiones de CO2, si sighit a chistionare e iscrìere de sa netzessidade de fraigare tzentrales a carbone noas.

Sa pregunta abarrat semper sa pròpia: cale benidore bolimus pro sa Natzione Sarda?

[:it]

Le fresche dimissioni della Ministra dello Sviluppo Economico del Governo Italiano mettono a nudo – se mai ce ne fosse ancora bisogno – l’enorme commistione tra la politica italiana e le lobby petrolifere ed energetiche che, ormai a tutti i livelli, sembrano dettare legge nelle scelte di sviluppo energetico.

Così come il governo Italiano non può esimersi dal fare affari con chi grazie al petrolio finanzia le proprie campagne elettorali, anche nella nostra isola abbiamo dovuto subire per anni il triste spettacolo di amministratori e governanti pronti a chinarsi davanti alle richieste dei Moratti o Rovelli di turno.

All’interno di questo deprimente contesto, il 17 aprile anche i cittadini sardi saranno chiamati ad esprimersi in merito al Referendum sulle trivellazioni off shore richiesto da nove consigli regionali – compreso quello sardo – sulla durata delle concessioni di coltivazione petrolifera all’interno della fascia delle 12 miglia marine.

Il quesito, è bene dirlo subito, non riguarda direttamente le coste della Sardegna, ma ci coinvolge comunque in maniera diretta vista la nostra collocazione geografica e gli appetiti che ancora oggi circolano intorno al nostro territorio e al nostro mare. Non dobbiamo infatti dimenticare che la Zona marina “E” individuata dallo Stato Italiano come zona adatta alle prospezioni e ricerche petrolifere, posizionata a nord ovest delle coste sarde, è oggetto di interesse da parte della società norvegese TGS-Nopec.

Le piattaforme interessate dal referendum sono 92, collocate principalmente nel Mar Adriatico e sul Canale di Sicilia, di cui 48 eroganti. Di queste 39 estraggono gas e appena 9 estraggono petrolio.

Insomma, a fare i conti per bene e basandoci sui dati forniti dello stesso Ministero dello Sviluppo Economico, parliamo di cifre che si aggirano sul 2,1% della produzione totale italiana di gas e dello 0.8% della produzione petrolifera.

Cifre risibili, che basterebbero da sole a smontare le obiezioni sul possibile crollo dei posti di lavoro nel settore o su un’improbabile mancanza di approvvigionamento energetico in caso di vittoria del sì.

Dal nostro punto vista, il tema reale del referendum è squisitamente politico e riguarda quali scelte di politica energetica debbano essere portate avanti dal Governo Italiano, compresi i suoi rappresentanti in Sardegna.

E qui entrano in gioco i vari rappresentanti politici sardi che negli ultimi mesi si sono eretti a difensori dell’ambiente, in primis il Presidente del Consiglio Regionale Gianfranco Ganau: da grande sponsor dell’ENI sul lato chimica verde a improvviso ambientalista stile Greenpeace, a quale dei due Ganau dovremmo credere?

Già, perché nonostante il grande tentativo di greenwashing messo in piedi da parte dei rappresentanti del PD sardo, è davvero difficile dimenticare l’approvazione del revamping dell’inceneritore di Tossilo da parte della Giunta, o il mutismo totale di Pigliaru e dello stesso Ganau sui progetti di trivellazione on-shore che riguardano direttamente la Sardegna, primo tra tutti il Progetto Eleonora della Saras.

Visti i trascorsi, dubitiamo che possano arrivare delle prese di posizione chiare su questo tema, proprio in virtù di quei stretti rapporti politici che da sempre intercorrono tra le lobby petrolifere e i rappresentanti del principale partito di governo, sia in Italia che in Sardegna, di cui lo scandalo appena esploso a Roma è soltanto l’ultimo esempio.

Noi di ProgReS Progetu Repùblica voteremo sì al referendum del 17 aprile.

Voteremo sì perché crediamo in un futuro diverso per la nostra terra, libero dalle fonti energetiche fossili e soprattutto libero dalle lobby petrolifere che per decenni hanno condizionato e continuano a condizionare lo sviluppo della nostra Isola.

In questo scenario, vogliamo ricordare anche il 4 aprile è scaduto il termine ultimo per presentare le osservazioni in Regione riguardanti il nuovo Piano Energetico Regionale, al cui interno, tra i tanti buoni propositi riguardanti la riduzione delle emissioni della CO2, si continua a parlare e scrivere della necessità di costruire nuove centrali a carbone.

La domanda rimane sempre la stessa: quale futuro vogliamo per la Nazione Sarda?

______
SARDU

Is dimissiones friscas de sa Ministra de s’Isvilupu Econòmicu de su Guvernu italianu ant postu a craru – in casu bi nde esseret galu bisòngiu – de s’ammesturìtziu mannu intre sa polìtica italiana e is lobby de su petròliu e de s’energia chi, oramai a cada livellu, parent fàghere lege in is sèberos de isvilupu energèticu.

Aici comente su guvernu italianu non si podet tirare agoa da su fàghere afàrios cun chie gràtzias a su petròliu finantzias is campagnas eletorales pròpias, fintzas in s’ìsula nostra amus dèpidu sutastare pro annos a su tristu ispetàculu de amministradores e guvernantes prontos a s’incruare in antis de is rechestas de is Moratti o de is Ravelli de su tempus.

A intro de custu cuntestu disisperosu, su 17 de Abrile fintzas is tzitadinos sardos ant a èssere tzerriados a s’esprìmere a pitzus de su Referendum contra is trivellatziones off shore pedidu dae noe consìgios regionales – fintzas cussu sardu – a pitzus de sa durada de is cuntzessiones de coltivatzione petrolìfera a intro de s’àrea de is 12 mìllias marinas.

Sa pregunta, est bene a ddu nàrrere sùbitu, non pertocat in manera direta is costas de sa Sardigna, ma nos si tocat a su pròpiu in manera direta giai ca connoschimus sa positzione geogràfica nostra e is apetitos chi galu oe bi sunt a giru de su mare nostru. Non si depimus difatis iscarèssere ca sa Zona marina “E” individuada dae s’Istadu italianu comente zona bona pro is chircas petrolìferas, posta a nord-ovest de is costas sardas, est ogetu de interesses dae parte de sa sotziedade norvegesa TGS-Nopec.

Is prataformas interessadas dae su referendum sunt 92, postas prus che totu in su Mare Adriàticu e in su Canale de Sitzìlia, de custas 48 sunt funtzionantes, 39 bogant gas e isceti 9 bogant petròliu.

In totu, a fàghere is contos bene e castiende is datos donados dae su Ministeru de s’Isvilupu Econòmicu etotu, semus chistionende de tzifras chi sunt prus o mancu su 2,1% de sa produtzione totale italiana de gas e de su 0.8% de sa produtzione petrolìfera.

Nùmeros chi faghent a rìere, chi diant a bastare a solas a fàghere rùere is obbietziones a pitzus de sa possìbilidade de isparèssida de is postos de traballu in su setore o de un’improbàbile mancàntzia de forniduras energèticas in casu de bìnchida de su eja.

Dae su puntu de vista nostru, su tema beru de su referendum est de su totu polìticu e pertocat is sèberos de polìtica energètica chi depent èssere portados a in antis dae su Guvernu Italianu, e fintzas dae is rapresentantes suos in Sardigna.

E inoghe intrant in giogu is vàrios rapresentantes polìticos sardos chi in is ùrtimos meses si sunt postos che a defensores de s’ambiente, pro primu su presidente de su Consìgiu Regionale Gianfranco Ganau: dae isponsor mannu de s’ENI pro sa chìmica birde totu in una borta ambientalista a tipu Greenpeace, a cale de is duos Ganau depimus crèere?

Già, ca nointames su tentativu mannu de si pintare de birde dae parte de is rapresentantes de su PD sardu, est a beru difìtzile ismentigare s’aprovatzione de su revamping de s’inchinigiadore de Tòssilo da parte de sa Giunta, o de su mudìmene totale de Pigliaru e Ganau a pitzus de is progetos de trivellatzione on-shore chi pertocant sa Sardigna, pro primu cussu de su Progetto Eleonora de sa Saras.

Bistu su tempus coladu, tenimus dudas chi potzant lòmpere positziones craras a pitzu de custu tema, pròpiu ca bi sunt dae semper cussos ligàmenes polìticos istrintos intre is lobby de su petròliu e is rapresentantes de su partidu de guvernu prus mannu, siat in Itàlia che in Sardigna, e chi s’iscàndalu acontèssidu immoe-immoe in Roma est isceti s’ùrtimu esempru.

Nois de ProgReS Progetu Repùblica amus a votare Eja a su Referendum de su 17 de Abrile.

Amus a votare eja ca creimus in unu benidore diversu pro sa terra nostra, lìberu dae is energias fòssiles e prus che totu lìberu dae is lobby de su petròliu chi pro deghinas de annos ant cunditzionadu e sighint a cunditzionare s’isvilupu de s’ìsula nostra.

In custu iscenàriu, bolimus fintzas regordare ca su 4 de Abrile est iscadidu su tèrmine ùrtimu pro presentare osservatziones in Regione a pitzus de su Pranu Energèticu Regionale nou, in ue a intro, intre medas faeddos bonos a pitzus de s’abbassamentu de is emissiones de CO2, si sighit a chistionare e iscrìere de sa netzessidade de fraigare tzentrales a carbone noas.

Sa pregunta abarrat semper sa pròpia: cale benidore bolimus pro sa Natzione Sarda?

[:]

Cumentos

cumentos