Anche durante questa campagna elettorale il solito circo dei politici italiani è sbarcato in Sardegna con il loro carico di promesse e soluzioni per i mali della nostra isola. Ma i politici italiani arrivati in Sardegna sono in buona compagnia, infatti hanno pensato bene di farsi precedere ed accompagnare da un elevato numero di detenuti condannati per reati di mafia.

ProgReS Progetu Repùblica continua a considerare come l’ennesima servitù imposta alla nostra isola dallo Stato Italiano il trasferimento forzato di esponenti della criminalità organizzata italiana nelle carceri di Uta, Massama e Tempio Pausania.

Più volte ci siamo espressi contro questo tipo di politiche carcerarie applicate in Sardegna, sottolineando la necessità di investire in altri tipi di infrastrutture piuttosto che nella costruzione di nuove carceri. Lo abbiamo evidenziato durante la manifestazione dello scorso 30 ottobre durante il Consiglio Comunale di Oristano e continuiamo a farlo oggi.

Non siamo disposti ad accettare passivamente la politica di deportazione dei detenuti imposta dallo stato italiano, peraltro in una situazione in cui esistono numerosi casi di detenuti sardi a cui viene negato il diritto alla territorialità della pena, costringendoli a scontare la loro pena a centinaia di chilometri dalle loro famiglie.

Per questo motivo ProgReS Progetu Repùblica scenderà in piazza Domenica 3 Febbraio alle 10:30 per una manifestazione e un sit-in davanti al tribunale di Tempio Pausania.

Per sottolineare ancora una volta il pericolo di infiltrazioni e ramificazioni di tipo mafioso nel nostro territorio causate dai trasferimenti di esponenti di spicco della criminalità italiana nella nostra isola, per una riforma carceraria che consenta realmente ai detenuti sardi di scontare la loro pena come previsto dal protocollo d’intesa firmato dalla Regione Sardegna con il Ministero della Giustizia italiano, per una Sardegna libera da ogni tipo di infiltrazioni mafiose.

Invitiamo tutti i cittadini della nazione sarda alla partecipazione, per fermare questa dinamica della criminalità di importazione che è ormai diventato un elemento strutturale della nostra dipendenza dallo Stato Italiano.

Cumentos

cumentos