ProgReS – Progetu Repùblica intende denunciare la situazione lavorativa delle guide turistiche che hanno conseguito il patentino rilasciato dalla Regione Autonoma della Sardegna: a causa della nuova normativa europea, queste si trovano a dover lottare contro la concorrenza sleale di guide con patentino non rilasciato in Sardegna e senza alcuna competenza del territorio.

La nuova normativa infatti permette a chiunque abbia una licenza di un qualsiasi paese europeo di poter esercitare in tutta Europa. Il rischio è quello di ritrovarsi sommersi da guide non residenti, a basso costo e senza alcuna competenza, oltre all’impatto occupazionale per i giovani Sardi che vorrebbero intraprendere questa professione.

La responsabilità di questa situazione non risiede tanto nella normativa europa in sé, ma nel fatto che sia la giunta regionale attuale che le precedenti non siano state in grado di redarre una legge organica in materia.

Inoltre ci vengono segnalate da più parti lentezze e inefficienze nelle procedure di rilascio del patentino da parte della regione.
Proponiamo pertanto che la regione Sarda emani un regolamento secondo il quale in tutti i siti, musei e centri storici sardi siano ammesse solo guide con licenza rilasciata da un ente regionale Sardo a prescindere da dove queste siano residenti. Far fare un esame specifico per ogni sito archeologico come pare sia intenzione della regione, lo troviamo controproducente e demagogico.

Il nostro partito è pronto a intraprendere tutte le azioni possibili a favore delle guide turistiche sarde, nell’ottica di rilanciare qualitativamente il settore turistico che ha bisogno soprattutto di competenze.

Cumentos

cumentos