Il 28 Aprile, giornata del Popolo sardo, saremo ad Olbia, di fronte al Comune, con un sit in per ribadire la sovranità del popolo sardo sul proprio territorio nazionale e sulle proprie risorse.

Il TAR ha infatti dato parere positivo al ricorso della Paradivi ed entro pochi giorni arriveranno ad Olbia numerose navi piene di percolato (rifiuti liquidi ricchi di inquinanti organici e inorganici, derivanti dai processi biologici e fisico-chimici all’interno delle discariche).

Dopo il pieno successo della Marcia della Terra ad Arborea per fermare le trivellazioni della Saras, arriveremo ad Olbia da tutta la Sardegna per testimoniare con forza che c’è ancora un popolo che vuole spezzare il monopolio sulle sue risorse e che vuole esercitare il suo diritto a decidere in piena libertà del proprio futuro.

Diamo appuntamento alla cittadinanza di Olbia e a tutti i sardi che vorranno partecipare a questa manifestazione popolare il 28 aprile alle 10:30 del mattino nel centro della città. Invitiamo tutte le associazioni e forze sociali e politiche ad unirsi ancora una volta in difesa del nostro ambiente, della nostra salute e del nostro diritto a decidere della nostra terra.

La nostra terra non è la discarica di nessuno. Questa terra è la terra che i nostri padri ci hanno lasciato in prestito per consegnarla ai nostri figli e nipoti. Perché solo una terra sana e pulita può essere una terra prospera e ricca. Perché sulla nostra terra, sulle nostre risorse e sul nostro futuro, oggi come sempre, spetta ai sardi e solo a loro decidere per il bene della nostra nazione.

ProgReS – Progetu Republica
A Manca pro s’Indipendentzia

Cumentos

cumentos