Progetu Repùblica de Sardigna denùntziat s’aprovatzione mancada de su Pranu pro sa valorizatzione de sa limba e de sa cultura sarda dae parte de sa Regione Sardigna, a giai-giai tres annos de distàntzia dae s’intrada de sa Giunta Pìgliaru.

Unu dannu mannu pro s’Ìsula, cunsiderende ca su Pranu rapresentat un’aina fundamentale pro sa programmatzione de is interventos e sa definitzione de is obietivos in tema de initziativas culturales, benes culturales, istrutzione pùblica, s’ispetàculu e editoria.

Su fallimentu de s’atzione polìtica de s’Assessora Claudia Firino (Sinistra Ecologia Libertà) e de totu sa coalitzione de su tzentru-manca italianu a su guvernu de sa Regione Sardigna paret prus ladinu si ddu ponimus a cunfrontu cun is fainas de natziones comente sa Catalugna e sa Còrsica. Sa Generalitat de Catalunya, pro nàrrere, at postu resursas pro 159.034.423,14 de èuro pro pònnere in pràtica su pranu annuale de polìtica linguìstica, est a nàrrere 21,20 èuro pro abitante; sa Cullettività Territuriale di Corsica de àtera manera at aprovadu dae pagu sa «Pianificazione per a nurmalizazione di a lingua corsa è u prugressu versu una sucetà bislingua» chi previdet investimentos pro su 2016 de 3.953.125,00 èuro e pro su 2020 de 9.651.184,00 èuro: est a nàrrere unu tante de 12,35 èuro pro abitante pro ocannu, fintzas a giai 30,15 èuro pro abitante in su 2020. In cunfrontu sa Sardigna, chi ponet isceti 2,42 èuro pro abitante, pro un’importu totale in su 2015 de isceti 4.000.000,00 de èuro, non dimustrat peruna capatzidade – e fintzas prus pagu bisione de su benidore – in tema de polìtica linguìstica e a pitzus de sa responsabilidade istòrica de defensare sa sienda immateriale nostra prus importante.

Progetu Repùblica pensat chi siat urgente unu càmbiu de diretzione e chi siat fundamentale sa normalizatzione, s’imparu e s’impreu de sa limba sarda, e de is àteras limbas de sa Sardigna. De àtera manera su sardu at a tènnere sa sorte – a dolu mannu – de isparèssere in deghe o bint’annos. A onni manera pensamus chi sa Giunta Pìgliaru, a duos annos dae is eletziones chi ant a bènnere, no at a tènnere s’interessu a cambiare su passu a pitzus de is polìticas linguìsticas: is fatos nos ammustrant ca is partidos italianos càstiant a su folcklore sardu prus che a sa cultura sarda.

Full Slide
___

Progetu Repùblica de Sardigna denuncia la mancata approvazione del nuovo Piano per la valorizzazione della lingua e della cultura sarda da parte della Regione Sardegna, a quasi tre anni di distanza dall’insediamento della Giunta Pigliaru.

Un grave danno per l’Isola, considerato che il Piano rappresenta lo strumento fondamentale per la programmazione degli interventi e la definizione degli obiettivi in materia di iniziative culturali, beni culturali, pubblica istruzione, spettacolo ed editoria.

Il fallimento dell’azione politica dell’Assessore Claudia Firino (Sinistra Ecologia Libertà) e di tutta la coalizione del centrosinistra italiano al governo della Regione Sardegna appare maggiormente evidente se confrontato con l’operato di nazioni come la Catalogna e la Corsica. La Generalitat de Catalunya, ad esempio, ha destinato risorse per 159.034.423,14 euro per l’attuazione del piano annuale di politica linguistica, ovvero 21,20 euro per abitante; la Cullettività Territuriale di Corsica ha invece varato di recente una importante «Pianificazione per a nurmalizazione di a lingua corsa è u prugressu versu una sucetà bislingua» che prevede investimenti per il 2016 di 3.953.125,00 euro e per il 2020 di 9.651.184,00 euro: ovvero uno stanziamento di 12,35 euro per abitante per l’anno corrente, fino a ben 30,15 euro per abitante nel 2020. In confronto la Sardegna, che destina appena 2,42 euro per abitante, per un importo totale per il 2015 di appena 4.000.ooo,00 di euro, non dimostra nessuna capacità – e ancora meno lungimiranza – in tema di politica linguistica e sulla responsabilità storica di difendere il nostro patrimonio immateriale più importante.

Progetu Repùblica ritiene urgente un cambio di rotta e ritiene fondamentale la normalizzazione, l’insegnamento e l’uso ufficiale della lingua sarda, nonché la tutela delle altre lingue minoritarie presenti nell’Isola. Contrariamente il sardo sarà purtroppo destinato a estinguersi nel giro di due decadi. Cionondimeno riteniamo comunque improbabile che l’attuale Giunta Pigliaru, a soli due anni dalle prossime elezioni, avrà l’interesse ad effettuare un cambio di passo sulle politiche linguistiche: i fatti ci dimostrano che i partiti italiani hanno a cuore il folklore sardo piuttosto che la cultura sarda.

Cumentos

cumentos