In poche ore oltre 150 amministratori indipendentisti sardi hanno sottoscritto il manifesto per il riconoscimento della Repubblica Catalana.

Progetu Repùblica de Sardigna riconosce la costituita Repùblica de Catalunya, sostiene e affianca la posizione degli amministratori e amministratrici sardi e chiede a tutti gli esponenti istituzionali sardi un atto di coraggio politico: gli invitiamo ad unirsi al documento degli oltre centocinquanta tra sindaci e sindache, amministratori e amministratrici indipendentisti sardi i quali, proprio in questi giorni, hanno firmato una dichiarazione di riconoscimento della Repubblica catalana, a dimostrazione di una reale di vicinanza al popolo e alle istituzioni democratiche catalane.

La difficile situazione che attualmente vive la nazione catalana umanamente desta preoccupazione per le sorti dei cittadini e dei membri del legittimo governo catalano arrestati per “ribellione”, politicamente, invece, la preoccupazione si deve nell’assistere alla deriva antidemocratica, autoritaria e violenta dello Stato spagnolo.

È inquietante prendere atto che oggi la magistratura spagnola non persegue più i crimini ma le idee e gli uomini liberi. Di fronte a tutto questo noi sardi non possiamo fare finta di nulla, dobbiamo essere solidali e partecipi perché ciò che sta avvenendo ora in catalogna domani potrebbe avvenire in Sardegna o in altre parti d’Europa. ProgReS invita i cittadini e le cittadine sardi a sostenere la giusta causa catalana, perché il diritto a decidere sia prerogativa di ogni Popolo, a mobilitarsi per chiedere la scarcerazione dei prigionieri politici e la difesa dei diritti umani.

 

Cumentos

cumentos