Comunicati

Questa terra non è la nostra

25 March 2017

di Gianluca Collu
Segretàriu de ProgReS – Progetu Repùblica

Sta facendo discutere e indignare l’ultimo “schiaffo” del Governo italiano ai danni della Sardegna in merito al via libera del ministero dell’ambiente al progetto targato Flumini Mannu Ltd. – società con sede a Londra – per un impianto di produzione di energia solare.

Ciò che ormai da troppi anni sta avvenendo in Sardegna più che un assalto alle nostre risorse ha i contorni di un vero e proprio assedio su cui i cittadini sardi hanno ben poche possibilità di porre un freno e l’attuale classe dirigente unionista–autonomista è assolutamente priva della volontà politica per opporsi alle prevaricazioni e imporre indirizzi e usi delle terre diversi, soprattutto quando un progetto di land grabbing come questo ha il via libera dallo Stato italiano.

Oggi i sardi non possono decidere il futuro dei propri territori, non possono partecipare alle scelte che riguardano i propri beni collettivi, non possono autodeterminare il proprio sviluppo economico, non possono difendere i propri interessi. Purtroppo la realtà ci dice una cosa tragicamente molto semplice: Questa terra non è la nostra.

Continua a leggere: Questa terra non è la nostra

Difendiamo il sistema sanitario pubblico

8 March 2017

Su Pòpulu sardu non podet fàghere a mancu de aere pro totu sas curas mèdicas gratuitas e de calidade. Cumbidemus sos sardos a partetzipare a su Cunvegnu.

Ant a pigare parte a sos traballos espertos de su setore e sa Retze Sarda Sanidade Pùblica. At a sighire una dibata. Est dovere nostru amparare, totu unidos, su deretu de sos sardos a sa Sanidade Pùblica in sos tzentros urbanos e in totu sos territòrios.

NO a sa Reforma supra “Riòrdinu de sa retze ispedalera sarda”, cun s’iscusa de mancantzias in su bilantzu, de sos cales sas sardos non sunt responsàbiles, chie guvernat sa Sardigna, cheret minimare e puru cungiare sos ispidales de sos territòrios discumbeniados.

AMPAREMUS sos ispidales importantes de Casteddu, chi puru si a servìtziu de totu sa Sardigna sunt a arriscu de serrada.

NO a sa tancadura de sos servìtzios pro sos malaidos crònicos nostros.

NO a sas astrinturas a s’assistentzia primaria impostas dae Roma a corfos de Decretos Ministeriales.

AMPAREMUS de sa minetza de serrada sas Comunidades terapeuticas e sas Comunidades pro sos impreos alternativos a sa galera.

CONTRA SA PRIVATIZATZIONE DE SU SISTEMA SANITÀRIU PÙBLICU E PRO SA DEFENSA DE SU DERETU A SA SALUDE, in particulare de sos prus disacatatos, cumbidemus totu s’Indipendentismo sardu a s’unire e a èssere in innantis a totu in custu chertu.

–––––––––––––––––––––––––––––

Se noi sardi perdiamo la battaglia per la difesa del Sistema Sanitario Pubblico, perderemo tutte le battaglie.

Il Popolo sardo non può fare a meno dell’accesso alle cure mediche gratuite e di qualità per tutti. Invitiamo i sardi a partecipare al Convegno e ad essere parte attiva in questa lotta.

Prenderanno parte ai lavori esperti del settore e la Rete Sarda Sanità Pubblica. Seguirà un dibattito. E’ nostro dovere difendere, tutti uniti, il diritto dei cittadini sardi alla Sanità Pubblica nei centri urbani e nei territori.

NO alla Riforma sul “Riordino della rete ospedaliera sarda”, l’alibi con cui chi governa la Sardegna, in nome dei buchi di bilancio dei quali i sardi non sono responsabili, intende ridimensionare e chiudere gli ospedali dei territori disagiati in tutta l’Isola. DIFENDIAMO gli ospedali di Cagliari al servizio di tutta la Sardegna e a rischio di chiusura.

NO alla soppressione dei servizi per i nostri ammalati cronici.

NO ai tagli esercitati da Roma a colpi di Decreti Ministeriali sull’assistenza primaria.

DIFENDIAMO dalla minaccia di chiusura le Comunità terapeutiche e le Comunità per i percorsi alternativi alla carcerazione.

CONTRO la privatizzazione del sistema sanitario pubblico e per la difesa del diritto inalienabile alla salute a partire dai più fragili, invitiamo tutto l’Indipendentismo sardo ad unirsi e ad essere in prima linea in questa lotta.

Progetu Repùblica sustenit sa manifestada #PERUNADEMANCU

1 March 2017

Progetu Repùblica De Sardigna sustenit s’isciòberu internatzionale feminista bandidu pro sa die 8 de Martzu 2017.

At a èssere una die de sensibilizatzione contra, intra is àteras cosas:

  • sa violèntzia de is òmines e de tipu machista contra is fèminas e is personas omo-bi-transessuales;
  •  sa criminalizatzione de s’istrumìngiu (aborto) e s’obietzione de cussièntzia;
  • sa violèntzia patriarcale;

e pro:

  •  s’autodeterminatzione de is corpus e de is disìgios;
  •  s’educatzione e istrutzione lìberas dae istereòtipos de gènere.

Nosu de Progetu Repùblica semus sensìbiles a custos temas poita in sa batàllia feminista e queer contra s’opressione ndi biemus is tratos de sa luta sarda contra s’opressione coloniale:
nos agatamus in sa luta contra sa violèntzia de tipu machista poita, cumente sardos e sardas, semus stètius e semus vìtimas de s’impositzione de unu modellu ùnicu de identidade e de cultura;
nos agatamus in sa luta pro s’autodeterminatzione de is corpus e de is disìgios poita, cumente sardos e sardas, batalliamus pro s’autodeterminatzione de su pòpulu nostru e pro sa libertade de seberare autonomamente su benidore nostru;
nos agatamus in sa luta pro un’educatzione e una istrutzione lìberas dae istereòtipos de gènere poita, cumente sardos e sardas, galu batalliamos ataleschì sa cultura nostra in totus is bariedades suas bessat dae su disterru dae s’educatzione de mannos e piticos.

Amus a partitzipare poita creemus chi su progressu polìticu ddu faint prus chi totu is persones chi cun balentia e prodesa detzidint de si pigare in manu su destinu insoru.

Progetu Repùblica de Sardigna sostiene lo sciopero internazionale femminista indetto per l’8 Marzo 2017.

Sarà una giornata di sensibilizzazione mondiale contro, fra le altre cose:

  •  la violenza maschile e di stampo machista contro donne e persone omo-bi-transessuali;
  •  la criminalizzazione dell’aborto e contro l’obiezione di coscienza;
  •  la violenza patriarcale;

e a favore de:

  •  l’autodeterminazione dei corpi e dei desideri;
  • educazione e istruzione libere dagli stereotipi di genere.

Progetu Repùblica è sensibile a questi temi perché nella lotta femminista e queer all’oppressione scorgiamo gli stessi tratti della lotta sarda all’oppressione coloniale:
ci riconosciamo nella LOTTA contro la violenza di stampo machista perché, in quanto sardi e sarde, siamo stati a siamo vittima dell’imposizione di un modello unico di identità e di cultura;
ci riconosciamo nella lotta a favore dell’autodeterminazione dei corpi e dei desideri perché, in quanto sardi e sarde, lottiamo per l’autodeterminazione del nostro popolo e per la libertà di scegliere autonomamente il nostro destino;
ci riconosciamo nella lotta per un’educazione e una istruzione libere da stereotipi di genere perché, in quanto sardi e sarde, lottiamo ancora perché la nostra cultura in tutte le sue sfaccettature non sia più tabù nell’educazione di piccoli e grandi.

Partecipiamo perché crediamo che il progresso politico possa venire soltanto da quelle persone che con coraggio e orgoglio decidono di riprendere in mano il proprio destino.

Pro s’Alternativa Natzionale Partimus dae Tue

20 February 2017

Più di cento persone hanno partecipato all’incontro “Partimus dae Tue” promosso dalle organizzazioni aderenti allo spazio di sintesi politica “Pro s’Alternativa Natzionale” che si è tenuto domenica 19 Febbraio presso il castello San Michele a Cagliari.

L’incontro, che voleva essere il primo momento di politica partecipativa organizzato dai Partiti e movimenti che aderiscono al progetto, ha raccolto un pubblico eterogeneo che ha seguito con attenzione i vari interventi introduttivi in cui sono state illustrate le ragioni e le necessità che hanno la Sardegna ed il suo Popolo di iniziare a percorrere la strada verso la propria autodeterminazione, e di farlo uniti.

Attraverso l’analisi degli open data statistici è stato fatto un focus sulla Sardegna, un crudo spaccato del presente e del futuro dell’isola che racconta di una Sardegna e di un popolo “in via di estinzione”, in preda a un inesorabile spopolamento, con un livello di disoccupazione pari al 50% che, se confrontato con analoghi dati delle altre isole europee o di altre Nazioni affini alla nostra, le quali hanno prospettive di crescita opposte alle nostre, ha messo in evidenza il fatto che la causa principale dell’attuale condizione e del futuro dei sardi, decisamente cupo, sia da ascrivere all’immobilismo della classe politica -incapace di attuare strategie coerenti per delle riforme strutturali- e alle oggettive condizioni di dipendenza in cui è mantenuta la Sardegna dai governi centrali e dalle loro propaggini isolane.

Continua a leggere: Pro s’Alternativa Natzionale Partimus dae Tue

Partimus dae tue

17 February 2017

I soggetti che compongono lo spazio politico di sintesi “Pro s’Alternativa Natzionale”, dopo l’importante giornata di studio e dibattito sulla necessità di una riscrittura dello Statuto sardo tenutasi la scorsa settimana a Sassari, si ritroveranno domenica 19 febbraio a Cagliari presso la suggestiva location del Castello San Michele.

Partiamo da te “Partimus dae Tue” è il titolo che spiega il senso dell’incontro partecipativo, dove i presenti contribuiranno con le loro idee e proposte a dare corpo a una agenda politica alternativa e concreta scegliendo e votando i temi più interessanti per il presente e il futuro dei sardi e della Sardegna. Il risultato di questo incontro definirà il programma di avvio di Alternativa Natzionale e le prime conferenze aperte tematiche. L’evento sarà strutturato in due fasi: una “creativa” per raccogliere gli input dei partecipanti, e una “valutativa” per discutere e selezionare le proposte che saranno oggetto dei futuri incontri.

Un incontro orizzontale voluto per rimanere in linea con quanto annunciato lo scorso ottobre alla presentazione del progetto al T-Hotel di Cagliari, ovvero di mettere in atto una fase preliminare di ascolto della società sarda, per rimarcare il fatto che nessun cambiamento è possibile senza la partecipazione diretta e il contributo dal basso dei cittadini.

Per le info sull’evento scrivere a: mesanatzionale@gmail.com

Dallo Statuto Autonomistico alla Costituzione dei Sardi

13 February 2017

Resoconto del convegno organizzato dall’insieme di movimenti e associazioni che compongono l’Alternativa Natzionale a Sassari lo scorso 11 febbraio

Sala gremita dalla mattina fino a sera all’ex convento del Carmine a Sassari in occasione della giornata dedicata ai “diritti dei sardi nel secolo XXI”. L’evento di studio e dibattito è stato organizzato dalle forze che compongono il progetto dell’Alternativa Natzionale che hanno deciso di dedicare la loro seconda uscita pubblica al tema della riscrittura dello Statuto Autonomistico. Ad avvicendarsi al microfono diversi esponenti del vasto mondo sardista e indipendentista e anche importanti esponenti del panorama intellettuale e accademico sardo. La moderatrice dell’incontro, la scrittrice Daniela Piras, ha introdotto la giornata ricordando due noti attivisti recentemente scomparsi, Graziella Deffenu e Patrizio Carrus, e per loro la sala ha osservato un minuto di silenzio. Daniela Piras ha inoltre sintetizzato il progetto avviato dalle cinque organizzazioni dell’Alternativa Natzionale: un processo di apertura che cerca di fungere da catalizzatore per tutte quelle componenti politiche e culturali della società sarda che hanno al centro delle proprie battaglie gli interessi della Sardegna e del suo popolo; tutti quei soggetti, cioè, che si stanno raccogliendo attorno al riconoscimento del principio dell’autodeterminazione, condizione indispensabile per tracciare un percorso comune. È stato anche ricordato che il progetto dell’Alternativa Natzionale si basa sul riconoscimento di valori comuni e condivisi e sul confronto politico paritario e democratico, mantenendo la porta aperta a tutti coloro che vogliono rendersi protagonisti di questa nuova fase politica.

Ad aprire i lavori l’esponente del Fronte Indipendentista Unidu Cristiano Sabino che ha iniziato il suo ragionamento ricordando come dieci anni fa il Consiglio Regionale della Sardegna si fosse trasversalmente impegnato per avviare un percorso di riforma dello Statuto Autonomistico. «A leggere oggi quelle dichiarazioni – sostiene Sabino – viene da sorridere, perché non si capisce dove sia finita tutta quella grande spinta riformatrice e tutti quegli importanti buoni propositi presi a livello istituzionale dalla massima assemblea dei sardi. In realtà – continua Sabino – sono troppi i punti dello Statuto che non sono mai stati fatti valere, a partire dagli articoli che prevedono la possibilità di programmazione in materia economica e di istruzione, passando per quelli che stabiliscono la competenza di adattare alle proprie esigenze le leggi del Parlamento italiano. Come ha fatto la classe politica italianista a definire se stessa “autonomista” se non ha mai applicato lo Statuto? Ma è pure necessario guardare a quei diritti che nello Statuto non sono presenti come il diritto all’autodeterminazione e i diritti linguistici».
Continua a leggere: Dallo Statuto Autonomistico alla Costituzione dei Sardi

Sos deretos de sos sardos in su de XXI sèculus. Dae s’Istatutu a sa costitutzione de sos sardos

8 February 2017

Sabato 11 febbraio dalle ore 10:00 alle 13:00 e dalle 15:00 alle 20:00, a Sassari, presso l’Auditorio EX Convento del Carmine in Corso Umberto 11, i movimenti che aderiscono al progetto “Per l’Alternativa Nazionale” hanno organizzato una giornata di studio e dibattito su un tema che riteniamo strategico per il futuro del popolo sardo: “Sos deretos de sos sardos in su de XXI sèculus. Dae s’Istatutu a sa costitutzione de sos sardos”.

Parlare infatti dello Statuto Autonomistico significa parlare della sua necessaria riforma oggi non più prorogabile e cioè dell’insieme dei diritti politici, economici e sociali di cui il popolo sardo ha bisogno per potere uscire dallo stato di letargia e decadenza in cui attualmente stagna.

Riscrivere lo Statuto dunque è necessario, ma non come fredda operazione calata dall’alto. Riteniamo debba essere un processo democratico basato sulla partecipazione e sul coinvolgimento popolare. Perciò abbiamo organizzato una giornata per iniziare a parlarne invitando le diverse anime del movimento politico sardo che riconoscono il diritto dei sardi all’autodeterminazione. Inoltre abbiamo invitato diversi studiosi che a vario titolo si sono occupati di questo tema.

A seguire il programma:
Continua a leggere: Sos deretos de sos sardos in su de XXI sèculus. Dae s’Istatutu a sa costitutzione de sos sardos