Su deghe de Maju in s’Ùrtimu Ispetàculu de Tàtari, b’est istadu un’atòbiu a subra de sa limba sarda, cun Roberto Bolognesi sestadu dae su Tzentru de attividade (TzdA) ProgReS de sa regione de Tàtari. S’atòbiu est incomintzadu cun sa troga de faeddare de sa Limba Sarda Comuna e de su pagu impreu chi si nde faghet a suta de sa làcana linguìstica de Paule, a pustis de custu, Bologhesi at ammustradu sas propostas sua de currègida fatas dòighi annos dae como, ma mai chistionadas dae niunu.

Su fatu craru est chi onni sèberu fatu a pitzu de sa limba sarda giughet ligàmines prus fortes cun sa lìnias polìtica de sos guvernos sardos chi cun sa voluntade de dare a totus unu trastu ùnicu pro iscrìere e lèghere in sardu. E de cussu istampu sunt sos sèberos de catzare a fora de s’iscola sa limba nostra, e puru cussu de no agiudare a la ispàrghere a minudu.

Bolognesi at naradu in modu ladinu chi sa limba sarda est una ebbia e chi sas diferèntzias intra a sas variantes prus atesu una chin s’àtera (cussa de Orune e cussa de Santu Giuanne Sruexu) pertocant petzi su binti pro chentu de su lèssicu, gasi pagu dae no ispèrdere sa cumpresa.

Sa limba sarda est una, e duncas sos dialetos si cumprendent intra issos cun fatzilesa manna: segare-la in duos cantos non giughet sensu perunu. Bolognesi nargeit chi sa chistione de importu no est tantu s’utilidade o nono de sa LSC – trastu chi podet serbire puru pro acurtziare calicunu incuriosidu – ma su benidore de su sardu chi est perdende chie lu faeddat annu cun annu, tancadu in unu cungiadu, semper prus minore, de arresonos de famìllia e de amigos, ma chi no essit mai a fora, in pùbblicu o in eventos formales.

S’arresonu chi si nch’est pesadu, totu in sardu, cun sa gente chi aiat prenadu s’aposentu est istadu francu e chena inghìrios imberriados: chie at faeddadu at contadu cara a cara s’esperièntzia sua in iscola e in famìllia. Sa gana de imparare su sardu est manna, e sas levas noas de unu cantu de biddas resistint a sa rujnadura de sa limba nostra, ma su sardu paret bintu ca no resesset a intrare in sos giassos pùbblicos e no est impreadu cun sos istràngios.

Fiat bastadu chi onniune a fitianu chircheit de faeddare su sardu cun amigos, connoschentes e puru cun gente disconnota, finamentas in sas butegas o in sos ufìtzios, e gasi lu podimus fàghere divènnere sonu de cada die, e duncas ischidare un’amore de coro pro sa boghe de sa terra nostra. Pro bogare su sardu dae sa chentina de iscuru e birgòngia in ue l’ant e l’amus postu, li depimus torrare una fama bona finas a cando divenit de tràgiu nou, una manera pro comunicare a fora e contra unu sistema chi aparinat e immurrinat sos modos de meledare e faeddare.

Progetu Repùblica de Sardigna cunsìderat sa limba sarda su bene immateriale de importu prus mannu chi tenimus, ca est unu de sos fundamentos chi permitit a una truma de gente de si mutire e de si sentire unu Pòpolu unidu e una Natzione. Pro custa resone creimus in su gabbale mannu de su traballu fatu in custos annos cun sa punna de fraigare una manera de iscrìere ùnica, ca su sardu non depet èssere istudiadu ebbia, comente unu limbatzu mortu, ma depet èssere unu mèdiu pro chistionare cun sas istitutziones, in sas universidades e puru pro cumprèndere sas àteras fainas de iscola: non su sardu imparadu ebbia, ma imparare in sardu. Ca sos giòvanos tenent su deretu de una formatzione prena e non cun una limba ebbia, sa natzione sarda tenet su deretu de una limba sarda ufitziale e cun sa matessi dignidade de s’italianu.

Sa dibata est sighida in su cumbidu aparitzadu dae su Tzda de sa tzitade, un’ocasione pro intrare in conoschèntzia e faeddare de limba sarda e puru de polìtica de Sardigna e de s’ala de Tàtari chi est in un’istadu de derruta chi no cheret sanare pro more puru de sa polìtica tzega chi no bidet sas calidades de sa zona e torrat a sighire pessos e modos de fàghere de su continente.


Versione in italiano

Si è svolto giovedì 10 maggio, nell’accogliente cornice dell’Ultimo Spettacolo a Sassari, il partecipato incontro sulla lingua sarda organizzato dal Centro di Attività (Tzda) di ProgReS – Progetu Repùblica di Sassari che aveva come ospite il prof. Roberto Bolognesi.

L’incontro prendeva spunto dalla Limba Sarda Comuna e dalla sua scarsa diffusione al di sotto dell’isoglossa di Paulilatino e dalle conseguenti proposte di emendazione portate avanti dal linguista più di dodici anni fa. Si è subito messo in luce come molte linee guida sulla lingua sarda siano determinate da scelte politiche più che dalla volontà di dare uno strumento unificante di espressione del sardo. Come scelte politiche sono quelle di non far entrare il sardo nelle scuole, o quella di non propagandarlo in maniera più capillare.

Bolognesi ha riaffermato anche che la lingua sarda è una e che le differenze tra le varianti più distanti riguardano solo il 20% del lessico e non sono mai così importanti da rendere impossibile l’intelligibilità reciproca.

La lingua sarda è una, con una grande facilità di comprensione tra i vari dialetti che la compongono: non avrebbe senso quindi separarla in due lingue distinte. Il problema che poneva Bolognesi non è stato tanto l’efficacia della LSC – strumento comunque utile ad avvicinare persone interessate – ma sul futuro del sardo che perde parlanti di generazione in generazione e che è sempre più confinato ad uno scambio privato e confidenziale e non pubblico e anche formale.

Il dibattito, che si è sviluppato interamente in sardo, è stato interessante con interventi poco retorici e molto diretti, che portavano alla luce esperienze nelle scuole e nel privato. La voglia di imparare il sardo esiste ed è ampia, le nuove generazioni di alcuni centri resistono al processo capillare di de-sardizzazione linguistica, ma il sardo stenta comunque a farsi spazio nei luoghi pubblici e nei colloqui tra estranei.

Basterebbe che ognuno ricercasse e proponesse delle interazioni in sardo a suoi conoscenti o anche a persone che non conosce, per esempio anche in esercizi commerciali o in uffici pubblici, per dare una spinta ulteriore alla diffusione di un sentimento di attaccamento alla lingua della nostra terra.

La soluzione per far uscire il sardo dal cono d’ombra in cui è entrato è farlo diventare di moda, un modo per comunicare al di fuori e contro un sistema che omologa e ingrigisce la ricchezza di espressione.

Progetu Repùblica de Sardigna ritiene che la lingua sarda sia il bene immateriale più importante che abbiamo, è tra le componenti essenziali che danno diritto a un Popolo e una Nazione di definirsi come tali. Per questa ragione crediamo che il lavoro portato avanti in questi anni, volto alla creazione di uno standard grafico unificato, sia stato molto importante, perché è vitale che il sardo non sia meramente materia di studio, come le lingue morte, ma che sia anche lingua veicolare in tutte le comunicazioni istituzionali, all’università e a scuola nell’insegnamento delle altre materie: quindi non solo insegnamento del sardo, ma insegnamento in sardo. Perché i giovani hanno diritto a una formazione completa e plurilingue, la nazione sarda ha il diritto a una lingua sarda parificata e ufficiale.

Il dibattito è continuato durante il rinfresco che è seguito all’incontro, un’occasione per fraternizzare e parlare di lingua sarda, ma anche di politica nazionale e delle necessità del territorio sassarese che versa in condizioni sempre più difficili, anche per colpa di una classe dirigente unionista che rimane cieca rispetto alle sue potenzialità, rincorrendo modelli importati da oltre mare.

Cumentos

cumentos