Nùgoro

Torrant ocannu is Dies de festa in Nùgoro

27 luglio 2013 Dies de Festa

dae Saedegna Quotidiano de su 27/07/2013

A pustis de s’annu coladu in Fordongianus, ocannu Dies de Festa lompet in Nùgoro. Sa festa de ProgReS – Progetu Repùblica de Sardigna at a èssere in sa capitale barbaritzina su de duos, tres e bator de austu. Dae sa prima editzione de su 2012, b’ant a èssere novidades de importu e sa cunfirma de tzertas fòrmulas. Tres dies de polìtica, mùsica, cunfrontu, cultura e isport. Pròpiu s’isport est unu de is elementos de continuidade chi aberit sa rassigna nugoresa. S’annu coladu a intro de Dies de Festa s’est pòdida bìere sa prima partida de fùbalu a 5 de sa natzionale sarda, contras de sa seletzione catalana. Chenàbura su duos a is 20.45 b’at a èssere sa rebìnchida de is sardos, bintos s’annu coladu dae is ibèricos. In antis b’at finas a èssere una gara de fùbalu intro duas iscuadras rapresentativas de su cabu de susu contra de su cabu de giosso.

Ma custas dies tenent inditu polìticu; si un’amichevole de fùbalu mancari siat de sa natzionale sarda est unu momentu de ispàssiu dae sa die in fatu cumentzat sa polìtica prus crara. Sàbadu tres a mangianu s’at a pòdere iscurtare su traballu fatu dae is amministradores chi su partidu indipendentista vantat intro de is istitutziones. Un’ocasione bona pro cumprèndere mègius cales sunt is dificultades e is bìnchidas de una manera noa de fàghere polìtica in intro de unas cantas istitutziones chi giai cantu ca fiant nàschidas fiant betzas. A custu report sighit deretu a mesudie unu adòbiu acanta su tema est unu de cuddos chis’indipendentismu istimat meda: s’ambiente. S’at a allegare de su tempus benidore de su trasportu privadu in su presente de s’ìsula in relata a su Pme, pianu de mobilidade elètrica. A pustis pràngiu est programmada una dibata cun òspites istràngios puru; Arresonos de un’Europa possìbile est s’inditu de su merie a su teatru Eliseo e nd’ant a arresonare Omar Onnis, istòricu, in paris cun Laura Mintegi, deputada Eh Bildu a su Parlamentu Bascu, e Carlo Pala, politòlogu.

Continua a leggere: Torrant ocannu is Dies de festa in Nùgoro

ProgReS aderisce al sit-in davanti al Comune di Nuoro

9 giugno 2013 pratosardo

di ProgReS Progetu Repùblica – Nùgoro

ProgReS – Progetu Repùblica aderisce al sit-in organizzato da A Manca pro s’Indipendèntzia che si terrà il 10 di Giugno, alle ore 10:00, davanti al Comune di Nuoro.

L’amministrazione comunale nuorese ha trasformato, senza averne diritto e in palese violazione delle stesse leggi italiane, terreni destinati a uso civico in terreni ad uso militare, continuando a proporre una politica di militarizzazione del territorio che mai ha portato benessere e crescita alla comunità. Nonostante questa evidenza, dagli amministratori nuoresi viene ancora pensata come unica risorsa o alternativa possibile.
Continua a leggere: ProgReS aderisce al sit-in davanti al Comune di Nuoro

La parità è un diritto

10 maggio 2013 Parità di Genere

di Anghelu Morittu, Consigliere del Comune di Silanus

Su iniziativa del gruppo consiliare Indipendentes pro Silanus, è stata approvata a larghissima maggioranza la mozione che impegna il Consiglio Comunale di Silanus ad integrare nel proprio statuto la norma che garantisce il 40% dei posti in giunta al genere meno rappresentato.

La mozione nasce dalla volontà di operare nel concreto per riconoscere alle donne un ruolo politico paritario rispetto a quello degli uomini, ma anche come atto conseguente alla mobilitazione generale del 14 febbraio 2013, One Billion Rising, cui ProgReS – Progetu Republica ha dato pieno sostegno e che ha visto scendere in piazza un miliardo di donne in tutto il mondo contro la discriminazione, la violenza e la piaga dilagante del femminicidio.

Continua a leggere: La parità è un diritto

Un Bollo Nero sulla politica italiana a Nùoro

20 febbraio 2013 bollo nero

Gli attivisti di Progetu Repùblica Nùgoro allestiranno dei banchetti informativi nella centralissima Piazza del Popolo giovedì 21 e venerdì 22 febbraio dalle ore 10 alle 14 e dalle 16 alle 20, per presentare l’iniziativa “bollo nero”, la campagna per l’annullamento consapevole del voto tramite l’apposizione di un bollo adesivo sulla scheda elettorale.

È giunto il momento che i cittadini sardi si assumano la responsabilità di un reale rinnovamento politico, sociale ed economico dell’isola senza più delegare a quei partiti che si sono resi responsabili della grave crisi in cui versa la Sardegna.

L’elettorato sardo costituisce appena il 2,8% dell’elettorato dello Stato italiano, una percentuale che non può influire in alcun modo sui processi decisionali che avvengono all’esterno della Sardegna.

Continua a leggere: Un Bollo Nero sulla politica italiana a Nùoro

ProgReS Nùgoro: nasce la nuova classe dirigente

8 febbraio 2013 Matteo Bellu Ticca

Gli attivisti e sostenitori di Progetu Repùblica Nùgoro comunicano che è stato eletto il nuovo coordinamento territoriale della regione. Il nuovo responsabile politico scelto dall’assemblea degli attivisti è Matteo Bellu Ticca, 31 anni, nuorese. Ieri il passaggio di consegne fra il vecchio e il nuovo coordinamento.

Il congresso regionale di ProgReS Nùgoro, tenutosi a un mese dal congresso nazionale, intende dare continuità al lavoro di rinnovamento costante della propria dirigenza (sono stati eletti anche i nuovi responsabili della comunicazione, organizzazione, formazione e tesoreria). L’obiettivo dichiarato è quello di rinnovare costantemente i ruoli di responsabilità, in modo da arricchirsi delle competenze dei propri attivisti (disoccupati, pastori, artigiani, commercianti, agricoltori, professionisti con un’età media di circa 30 anni) che sono gli interpreti delle istanze di quella società sarda di cui fanno parte.

«Abbiamo il compito di proseguire le attività dell’indipendentismo democratico nel nostro territorio – sostiene Bellu Ticca – la prima iniziativa in programma sarà la campagna per l’annullamento consapevole del voto attraverso l’apposizione di un bollo nero adesivo sulle schede elettorali, con un chiaro messaggio rivolto ai partiti italiani: “La vostra politica è morta”».

La coerenza e la lealtà degli indipendentisti

30 novembre 2012 Bobore Bussa

di Bobore Bussa
Responsabile Nazionale dell’Organizzazione di ProgReS Progetu Repùblica

Alla c/a di:

Presidente del Consiglio Provinciale di Nuoro
Presidente della Giunta Provinciale
Colleghi Consiglieri

Oggetto: dimissioni da consigliere provinciale

Quando mi sono candidato alla carica di Presidente della Provincia l’ho fatto guidando una lista di cittadini che desiderava far tornare la politica ad essere un reale strumento di cambiamento e crescita della nostra società. Abbiamo condiviso e sostenuto un programma tutti insieme e nonostante oggi alcuni di quel gruppo facciano parte di altre formazioni politiche, rimane comunque chiaro l’orizzonte di tutti, ovvero: l’indipendenza della Nazione sarda a partire dal governo delle nostre piccole comunità e dalle aggregazioni di esse.

Durante la campagna elettorale del 2010 abbiamo raccolto oltre 4000 consensi che mi hanno permesso di diventare consigliere provinciale e sedere sui banchi della minoranza. Un ottimo risultato di un grande lavoro di squadra di cui tutti possono andare fieri, candidati, sostenitori ed elettori. Nel maggio 2010 avevo fatto un patto con i nostri elettori. Avevo promesso che a metà mandato avrei lasciato il posto ad un altro candidato della lista. Poiché gli indipendentisti veri mantengono o dovrebbero mantenere gli impegni politici, oggi stesso, a due anni e mezzo esatti di mandato, protocollerò le mie dimissioni irrevocabili.

Continua a leggere: La coerenza e la lealtà degli indipendentisti

Solidarietà al sindaco Bianchi e al sindaco Scanu

24 luglio 2012 nuoro

Di Federica Serra
Coordinatrice Politica – ProgReS Nuoro

ProgReS – Progetu Repùblica Nuoro manifesta solidarietà al sindaco Bianchi di Nuoro e al sindaco Scanu di Sindia per i gesti minatori subiti. Noi pensiamo che il dissenso abbia pieno diritto di essere espresso in modo democratico e all’interno di contesti civili che sicuramente non contemplano il recapito una lettera anonima o di una bomba e da sempre ci appelliamo a principi di non-violenza come unica strada ammissibile per veicolare qualsiasi proposta. Ogni iniziativa che esula da questo percorso deve essere condannata senza mezzi termini in maniera forte e chiara e chi usa sistemi intimidatori e illegittimi non merita di partecipare alla costruzione della nostra società sarda.

In una società sana i fatti di cronaca diminuiscono mentre aumentano le iniziative, la partecipazione e le proposte. Purtroppo non è questo il caso. Dobbiamo constatare ancora alcuni non trovano un proprio spazio civile di espressione. L’uso della minaccia non è altro che l’incapacità di elaborare una proposta alternativa credibile a ciò che arriva dall’alto.

Continua a leggere: Solidarietà al sindaco Bianchi e al sindaco Scanu